Napoli

Napoli, bruciò due uomini del clan rivale: accuse per baby boss

Nuove accuse per Salvatore Russo, 22 anni, il baby killer ritenuto esponente dei cosiddetti “girati”, feroce gruppo camorristico napoletano, a cui la squadra mobile ha notificato, in carcere, un provvedimento cautelare in relazione a un duplice brutale omicidio che, secondo gli inquirenti, diede il via alla terza faida di camorra a Scampia.

Russo, all’epoca dei fatti minorenne, è accusato – insieme ad altre persone – di avere sequestrato, ucciso e poi bruciato i corpi di Raffaele Stanchi, detto “Lello ‘o bastone”, e Luigi Montò, i cui cadaveri vennero trovati il 9 gennaio del 2012, a Melito (Napoli), in una vettura data alle fiamme.

Le due vittime, ritenute affiliate al gruppo criminale Abete-Abbinante, vennero identificate solo grazie all’esame del Dna.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Casaluce, Pagano: “Città cantierizzata: al via i lavori per cinque progetti” https://t.co/lmPXax72sm

Elezioni Aversa, MCA fuori dalla competizione: “Nessun progetto ci affascina” https://t.co/c0YkZ5ZDDv

Gricignano, uniti contro l'amianto: gli "alunni rapper" della scuola 'Santagata' vincono concorso nazionale - https://t.co/Al0670N9NA

San Tammaro, sequestrato sito di trattamento rottami metallici - https://t.co/jvfAwMJIzm

Condividi con un amico