Home

Anna Frank, 20 identificati. Lotito rischia squalifica

Continuano le indagini per individuare i responsabili della diffusione di adesivi antisemiti che ritraevano la giovane vittima dell’Olocausto Anna Frank con la maglia della Roma. Il numero delle persone identificate è salito a 20, dopo che nei giorni scorsi ne erano state già individuate 16 dalla Digos, dalla polizia scientifica e dal commissariato Prati, che indagano con l’aiuto delle immagini di videosorveglianza dello stadio Olimpico.

La Procura ha aperto un fascicolo per istigazione all’odio razziale. Intanto la Lazio e il suo presidente Claudio Lotito rischiano una squalifica per i comportamenti antisemiti dei tifosi e per aver agevolato l’ingresso degli ultrà in curva sud in occasione della partita con il Cagliari: sono queste infatti le contestazioni mosse alla società dalla Procura della Figc.

Tra le posizioni più gravi tra gli identificati quella di un 46enne con diversi precedenti penali, già colpito da provvedimento Daspo tre volte (l’ultimo durato 5 anni e finito nel 2013), e quella di un 53enne per cui la misura è terminata nel 2016. Tra i 20 identificati, tra cui ci sarebbero anche un 13enne e altri due minorenni, alcuni hanno precedenti specifici e rischiano una denuncia e il Daspo fino a 8 anni.

Intanto, la Procura della Figc avrebbe contestato alla Lazio e al suo presidente Claudio Lotito la violazione dell’articolo 1 bis del codice di giustizia sulla lealtà sportiva e dell’articolo 11 sui comportamenti discriminatori. L’ufficio guidato da Giuseppe Pecoraro ha chiuso in mattinata le indagini, prima di comunicare gli addebiti al club biancoceleste. Ll’escamotage di consentire di seguire la partita casalinga con il Cagliari in curva sud ai tifosi della Lazio, squalificati in curva nord, sarebbe considerato dalla Procura della Figc un comportamento sleale.

Il presidente Lotito rischia ora una squalifica. Per quanto riguarda gli insulti antisemiti e le immagini con Anna Frank in maglia giallorossa, secondo la Procura si configurano atti discriminatori, punibili secondo il codice di giustizia sportiva anche con la squalifica del campo. Le contestazioni sono in fase di comunicazione al club biancoceleste, che produrrà le sue tesi difensive in vista del verdetto.

La Figc ha deciso di far leggere sui campi della serie A alcuni brani del “Diario” di Anna Frank, prima del fischio d’inizio delle partite. Anche in questa occasione non si sono placate le polemiche: gli ultrà della Lazio hanno deciso di disertare la curva dello stadio di Bologna, dove erano impegnati i biancocelesti, per protestare contro quello che hanno definito un “teatro mediatico”. A Torino, alcuni ultrà della Juventus hanno coperto la lettura del brano cantando l’Inno di Mameli e a Firenze c’è stato qualche fischio isolato.

Nella giornata di ieri il presidente della Lazio Claudio Lotito ha smentito di aver pronunciato la frase “Famo ‘sta sceneggiata”, in riferimento all’iniziativa della visita alla sinagoga di Roma con alcuni giocatori biancocelesti. Il Messaggero ha però confermato e pubblicato l’audio della frase, mentre la corona di fiori portata da Lotito in omaggio al luogo di culto è stata gettata nel Tevere.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Droga in Italia attraverso i confini liguri e piemontesi: 16 arresti - https://t.co/Dn4dWhkrIu

Napoli, presa la "banda del buco": un dipendente comunale era il "consulente" - https://t.co/N9qGJrtzwa

Furti per finanziare traffico di droga: sgominata banda albanese tra Milano e Varese - https://t.co/a9JidigzPn

Pescara, pane trasportato in furgoni per "trasporto stampa": blitz del Nas - https://t.co/sIGyLaI6fG

Condividi con un amico