Italia

Roma, tedesca violentata a Villa Borghese: preso lo stupratore, è un 25enne romeno

La polizia di Roma ha arrestato l’uomo che il 18 settembre violentò una 57enne tedesca senza fissa dimora a Villa Borghese. Si tratta di un romeno di 25 anni, già detenuto nel carcere di Regina Coeli per i reati di sequestro di persona, violenza sessuale, rapina e lesioni commessi nei confronti di altre tre donne. La svolta si è avuta grazie all’estrapolazione del Dna dell’indagato dai lacci con i quali è stata legata la clochard. Le altre tre violenze di cui è accusato l’uomo risalgono rispettivamente al 22 settembre, al 28 settembre e al 5 ottobre.

A dieci giorni dallo stupro della senzatetto tedesca, gli investigatori si sono imbattuti in un altro caso di violenza sessuale, questa volta ai danni di una prostituta italiana attiva sulla Salaria. Il modus operandi coincideva con quello di Villa Borghese: la donna era stata stuprata, picchiata con violenza al volto e legata nuda a mani e piedi con i suoi stessi indumenti.

Gli inquirenti sono poi riusciti a individuare altre due prostitute rumene vittime della violenza dell’uomo, le quali inizialmente non avevano voluto sporgere querela. Le indagini hanno dunque consentito di ricostruire la fisionomia dell’indagato, che si muoveva con disinvoltura soprattutto nel tratto compreso tra via Salaria, via Prati Fiscali e la stazione Termini, sempre a bordo di uno scooter.

Il 7 ottobre, l’uomo è stato fermato dai poliziotti in via Salaria e, nel corso dell’interrogatorio, ha ammesso parzialmente le proprie responsabilità. Agli inquirenti aveva ammesso di essere l’autore di tre rapine e lesioni compiute nei confronti di tre prostitute, negando però di essere l’autore della violenza commessa a Villa Borghese. A incastrarlo sono stati gli accertamenti sul Dna, lo stesso estrapolato dai lacci con cui la donna tedesca è stata legata.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico