Home

Droga e fucili da guerra dall’Albania all’Italia, 4 arresti

Nell’ambito dell’indagine “Rosa dei Venti”, che ha visto l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Catania nei confronti di 11 soggetti appartenenti ad un’organizzazione criminale italo-albanese dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di armi, i finanzieri del comando provinciale etneo si sono recati, nei giorni scorsi, in missione a Tirana, in Albania.

Assistiti dai colleghi del Servizio di cooperazione internazionale di polizia del Dipartimento di pubblica sicurezza – Interpol, del comando generale della Guardia di Finanza II Reparto e della Direzione centrale servizi antidroga – i militari hanno consegnato gli atti afferenti il procedimento penale in argomento alla Procura Generale albanese ed hanno partecipato alle fasi relative all’arresto di uno dei 4 soggetti di nazionalità albanese non rintracciati nel territorio italiano e tutti destinatari del mandato di cattura internazionale.

In particolare, si tratta di Seiti Nezar, albanese di 40 anni, nel suo ruolo di referente logistico e responsabile degli sbarchi in Italia dello stupefacente nell’ambito della componente albanese dell’organizzazione rappresentata anche da Moisi Habilaj, 39 anni, primo organizzatore del lucroso traffico, e dai suoi collaboratori Maridian Sulaj, 29 anni, e Fatmir Minaj, 55 anni, già tratti in arresto nel ragusano all’alba del 14 ottobre scorso.

Nei confronti di Seiti Nezar e degli altri arrestati di nazionalità albanese, per le investigazioni operate dalla polizia di Tirana, è stato accertato, a carico del sodalizio criminale internazionale, un ulteriore carico di marijuana dall’Albania all’Italia di circa 4 tonnellate sequestrato nello stato estero anche a seguito dello scambio informativo realizzatosi tra le autorità giudiziarie.

L’organizzazione italo-albanese negli ultimi anni era riuscita a trasportare in Italia dalla costa albanese oltre 3 tonnellate e mezzo di marijuana che veniva sequestrata, in più occasioni, nel corso di lunghe e complesse indagini. L’associazione a delinquere, la cui disponibilità di armi e munizioni è stata accertata con l’esecuzione di sequestri di fucili ‘Kalashnikov’ e centinaia di munizioni, aveva acquisito il controllo dell’importazione dall’Albania di ingenti quantitativi di stupefacente del tipo marijuana che poi venivano utilizzati per approvvigionare le piazze di spaccio sia di Catania che delle provincie di Ragusa e Siracusa, realizzando un giro d’affari di oltre 20 milioni di euro.

La collaborazione internazionale tra autorità giudiziarie – favorita dall’opera del personale dell’Interpol, della Dcsa e del comando generale del Corpo della Guardia di finanza – ha così consentito di ultimare efficacemente l’esecuzione del provvedimento giudiziario emesso dal gip di Catania.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico