Caserta Prov.

Caserta, dissequestrati oltre 200 orologi ad un orafo del Tarì

Dopo una complessa attività di indagine e l’espletamento di una perizia di ufficio, eseguita dal dottor Emanuele Casanova della “Società Italiana Brevetti” di Firenze, il pubblico ministero del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, titolare delle indagini,  Marta Correggia, ha ordinato il dissequestro di tutti gli orologi (oltre 200 pezzi) di una marca primaria che furono sequestrati diversi mesi fa ad un orafo del Tarì di Marcianise, Raffaele Passerini, 50 anni, casertano, titolare ed amministratore della “Joy Group”, difeso dall’avvocato Raffaele Crisileo.

L’operazione riguardò il sequestro anche di pezzi e modelli di orologi in possesso di altri gioiellieri che avevano il punto vendita e commercio al Tarì.

In un primo tempo venne contestato il reato di contraffazione. Passerini, dal canto suo, aveva dato incarico ad un consulente di parte, incaricato dall’avvocato Crisileo, che aveva proceduto a eseguire un accertamento tecnico di parte. Entrambi gli accertamenti hanno accertato che gli orologi in sequestro non erano contraffatti e, quindi, ne è stata disposta la restituzione.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Natale ad Aversa e luminarie in ritardo per il Natale: "Noi Aversani" attacca l'Amministrazione - https://t.co/nuTOTHEFvB

Elezioni Gricignano 2019, "Uniti" valuta alleanze: ecco il team di "negoziatori" - https://t.co/zjzBPZnjUj

Aversa, legge antimafia e crisi d'impresa: confronto col professor De Ritis - https://t.co/WuButnzWQb

Mondragone, centro raccolta rifiuti: il progetto esecutivo targato Federico-Pacifico - https://t.co/9L5Xl7dTNF

Condividi con un amico