Aversa

Aversa, Cineclub al Vittoria: cinque film a 10 euro

Riparte la nuova stagione del Cineclub del Vittoria di Aversa, storica sala cittadina e, da sempre, punto d’incontro tra cinefilia e intrattenimento. Anche quest’anno il cartellone, approntato con la solita cura attenta al cinema di qualità da parte del proprietario nonché direttore artistico Ermanno Russo, presenta un variegato menù di titoli interessanti e coinvolgenti, mantenendo inalterata la conveniente formula di soli 10 euro per 5 film programmati per veri e propri lunedì d’autore.

Inaugura il 25 settembre il francese “Elle” diretto dal cineasta, di origine olandese, Paul Verhoeven, che, dopo la memorabile parentesi hollywoodiana (“Basic Instinct”, “Terminator”), è, da qualche tempo, ritornato a girare film nel Vecchio Continente affrontando tematiche più intimiste e meno spettacolari. Nel super premiato “Elle”, la protagonista, un’Isabelle Huppert tanto eccezionale da meritarsi il Golden Globe e una nomination all’Oscar, veste i panni di una manager di successo e dall’invidiabile pugno di ferro sconvolta, all’improvviso, da una violenza carnale, pronta a trasformarsi in una spietata vendicatrice all’ossessiva ricerca dello sconosciuto assalitore.

Secondo lungometraggio in programma, il 2 ottobre, la commedia italiana “Tutto quello che vuoi” diretta da Francesco Bruni, già sceneggiatore e autore del sorprendente “Scialla”. Ancora una volta, Bruni narra, con toni decisamente agrodolci, la storia di un incontro/scontro generazionale tra un uomo anziano e una giovanissimo, che porterà inevitabili effetti benefici nella vita di entrambi.

Il 16 ottobre tocca all’israeliano, vincitore di premi importanti ai Festival di San Sebastian e Toronto, “Libere Indipendenti Innamorate” di Mayasaloun Hamoud trasportarci in una Tel Aviv contemporanea e underground, dove tre donne rivendicano con energia il loro innegabile diritto all’indipendenza.

Il 6 novembre la rossa Jessica Chastain, alias “Miss Sloane”, pellicola statunitense, a metà tra thriller e spionaggio, di John Madden, si cala, alla perfezione, nelle vesti della lobbista più ricercata di Washington alle prese, però, con un improvviso antagonista di potere, che metterà a dura prova la proverbiale resistenza della donna a causa di una lotta, senza esclusione di colpi, la cui posta in gioco, in caso di vittoria di uno dei contendenti, può essere davvero alta.

Il primo segmento della rassegna si conclude il 13 novembre con il nostrano “Cuori puri”, opera prima di Roberto De Paolis, molto apprezzato all’ultimo Festival di Cannes. Un dramma esistenziale, che racconta le difficili scelte di vita da affrontare da parte di un ragazzo e una ragazza (i promettenti Simone Liberati e Selene Caramazza) di umili origini, diversissimi tra di loro ma colpiti da improvviso e irrinunciabile colpo di fulmine.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico