Napoli

Napoli, complicazioni dopo il parto: 30enne muore dopo un cesareo

Godeva di ottima salute, aveva già un bimbo di due anni e la piccola che ha messo al mondo è sana, 3.570 chili di vivacità. Ma Anna Riccio non ce l’ha fatta: dopo il parto qualcosa è andato storto e a soli 30 anni la mamma originaria di Monte di Procida è morta.

La donna aveva dato alla luce la sua secondogenita con un taglio cesareo eseguito all’ospedale San Paolo di Napoli, poi il ricovero in Rianimazione al Pellegrini, dove era stata trasferita, e infine il decesso.

Nella ricostruzione dell’accaduto, il direttore sanitario del San Paolo assicura di aver “garantito la massima assistenza”. Anna è stata operata dal ginecologo di famiglia, lo stesso che aveva fatto nascere, sempre con un cesareo, il suo primo bimbo. Un professionista stimato che ha eseguito anche il secondo intervento alla donna visto un’emorragia che non si fermava. Alla donna è stato asportato l’utero, ma è andata in arresto cardiaco durante l’intervento. Da lì il calvario: viene rianimata in sala operatoria, l’intervento si conclude, ma sopraggiungono altri due arresti.

Di qui la decisione di trasportarla in una struttura più appropriata, il Pellegrini. Ma nel reparto di rianimazione sopraggiunge un altro arresto cardiaco, l’ultimo. Al momento i familiari sono chiusi nel dolore e non hanno intenzione di sporgere alcuna denuncia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico