Home

Maltempo, sei morti a Livorno. Nubifragi si spostano al Sud

L’ondata di maltempo che ha devastato Livorno ma messo in grave difficoltà molte altre città, tra cui Roma, si sta spostando verso Sud. E sono diverse le aree che segnalano disagi e allagamenti. Le situazioni più critiche sono in Campania e in Sicilia. In Irpinia ci sono stati degli smottamenti. A Catania e Palermo il forte vento ha divelto diversi alberi.

Livorno – Sei persone sono morte e due risultano disperse. Tra le vittime un bimbo di 4 anni, deceduto in un seminterrato assieme ai genitori e al nonno, morto dopo aver salvato l’altra nipote. Roberto Ramacciotti è riuscito a portare al sicuro la nipote di 3 anni, poi si è rilanciato nella melma per raggiungere l’altro nipote di 4 anni, ma non è più riemerso. Le vittime sono una mamma, un papà, un bimbo e il nonno.

Il sindaco Nogarin: “Città devastata” – “La situazione è molto problematica, critica, spero non sia un disastro”, ha affermato il sindaco Nogarin. “Ha piovuto tantissimo, ci sono grosse difficoltà, sono esondati alcuni corsi d’acqua, vengono segnalati smottamenti a Montenero”, ha aggiunto il primo cittadino. Dopo una riunione convocata dalla prefettura al centro coordinamento soccorso, Nogarin ha affermato che “la situazione sta migliorando”. “Le vie di comunicazione vengono piano piano ripristinate tutte anche se rimane chiusa la linea ferroviaria tirrenica. Abbiamo ancora 2.700 famiglie senza energia elettrica”, ha sottolineato ancora il sindaco livornese dopo il vertice al quale ha partecipato anche il governatore della Toscana, Enrico Rossi.

Napoli – Nottata di superlavoro anche per i vigili del fuoco del comando provinciale di Napoli che, secondo quanto riferisce la centrale operativa, sta facendo fronte a numerosissime chiamate di soccorso provenienti da tutto il Napoletano. Al momento tutte le squadre sono impegnate per allagamenti, soprattutto a Torre Annunziata e nella zona di Giugliano in Campania: l’acqua ha invaso abitazioni e negozi. Disagi alla circolazione dei treni della Circumvesuviana tra le province di Napoli e Salerno. A causa degli allagamenti che hanno interessato la stazione di Scafati (Salerno), l’Ente Autonomo Volturno ha infatti comunicato che “la linea Napoli-Poggiomarino è limitata alla tratta Napoli-Pompei e viceversa”. Scuole chiuse a Torre del Greco (Napoli): lo ha stabilito il commissario prefettizio Giacomo Barbato, firmando un’ordinanza urgente che tiene conto del “bollettino meteo diffuso dalla Regione Campania”.

Ischia, attenzione su “zona rossa” di Casamicciola – Massima attenzione per il maltempo a Casamicciola, nelle zone maggiormente colpite dal terremoto dello scorso 21 agosto. “L’amministrazione comunale in vista dell’allerta meteo raccomanda a tutti i cittadini residenti nelle zone verdi e con case agibili che debbano attraversare la zona rossa, di farlo con la massima prudenza, stante il pericolo di frane derivanti dalle forti precipitazioni previste. Non solo – è scritto in una nota del Comune – si consiglia vivamente ai cittadini di muoversi dalle proprie abitazioni e di attraversare la predetta zona rossa – anche se autorizzati – soltanto in casi di inderogabile necessità”.

Caserta e provincia – Allagamenti e danni, causati dal crollo di alberi e tettoie, tra Caserta e l’agro aversano. A Carinaro, alle porte di Aversa, sono crollate le luminarie della festa patronale e una tettoia “impazzita” si è schiantata sulle abitazioni fino a raggiungere il campanile della chiesa.

Irpinia – Scantinati allagati da pietre e fango nell’Avellinese, precisamente tra Montoro e Forino, a causa di una slavina di fango che è scesa dalla parte della montagna interessata questa estate dagli incendi. Al momento i vigili del fuoco di Avellino sono impegnati a liberare i locali terranei della zona e a rimuovere i tanti alberi e rami caduti a causa del forte vento. Numerosi gli interventi anche nelle abitazioni per infiltrazioni d’acqua.

Catania – Un acquazzone accompagnato da violente raffiche di vento si è abbattuto prima dell’alba su Catania: si sono allagate numerose strade e danni si sono registrati nel sistema viario a sud della città e nella zona industriale. Sono caduti diversi alberi: uno è crollato su un’auto nel marciapiede di fronte la scuola Mario Rapisardi, un altro in una zona più a nord della stessa strada. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco e personale della protezione civile comunale. Un altro albero e’ caduto nei pressi dello svincolo “Paesi etnei” della tangenziale, creando problemi al traffico.

Palermo – Sono stati 80 gli interventi dei vigili del fuoco a causa del nubifragio, accompagnato da una grandinata, che si è abbattuto su Palermo. Allagamenti e infiltrazioni d’acqua si registrano in tutta la città; decine gli alberi divelti dalla furia del vento. Due voli Ryanair, Il Palermo-Roma delle 6:25 e il Palermo-Verona delle 6:30, sono stati annullati. Allagamenti e disagi anche nei paesi della fascia orientale del capoluogo, da Altavilla Milicia a Cefalù.

Eolie – Forti venti da ponente con raffiche da burrasca con precipitazioni e temporali, lampi e tuoni per quasi tutta la nottata nelle Eolie. Scuole chiuse. Collegamenti marittimi sospesi. Per gli acquazzoni, le strade di Lipari e Canneto, e di Vulcano, si sono allegate.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico