Cesa

Enzo Guida nuovo coordinatore della Conferenza dei sindaci Atellani

Cambio della guardia al vertice della Conferenza dei Sindaci Atellani. Enzo Guida, primo cittadino di Cesa, subentra al sindaco di Sant’Arpino Giuseppe Dell’Aversana, quale coordinatore dell’organismo sovracomunale che comprende anche i comuni di Orta di Atella, Succivo, Gricignano di Aversa e Frattaminore.

L’ente è nato all’incirca un anno fa con la finalità di progettare il rilancio del territorio dell’antica patria delle fabuale attraverso la valorizzazione e la promozione delle propria identità culturale e per favorire una lavoro sinergico, e prevede la rotazione annuale della figura del coordinatore, al fine di garantire una pari condivisione del processo istituzionale nell’ottica del rafforzamento sinergico delle amministrazioni e delle comunità atellane.

“Diverse sono state le iniziative che abbiamo messo in campo – ricorda il coordinatore uscente Dell’Aversana – in materia di beni archeologici, difesa dell’ambiente, cultura e patrimonio. Ma soprattutto abbiamo messo in atto un modello di gestione nuovo. Faccio i miei più fervidi auguri al collega Guida, convinto che saprà portare avanti con determinazione il lavoro sino ad oggi svolto e rafforzare questa conferenza, che nasce dalle ceneri della esperienza dell’Unione dei Comuni, puntando su un organismo più agile e snello”.

“Ringrazio i colleghi sindaci per questa indicazione – afferma il neo coordinatore Enzo Guida – in modo particolare il sindaco Dell’Aversana per il lavoro prezioso svolto ed il sindaco di Gricignano Andrea Moretti che, per una serie di ragioni, sarebbe stato il candidato naturale alla successione ma che a causa dei troppi impegni personali ha preferito cedere il passo”.

“Da subito,- prosegue Guida- intensificheremo il lavoro svolto presentando un programma di punti da sviluppare, in materia di rifiuti, tutela del territorio, urbanistica, servizi sociali, cultura, con il fine di sviluppare ancora in misura maggiore la sinergia e la collaborazione tra i comuni della zona atellana”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico