Aversa

Aversa, irrigazione al Parco Pozzi: il sindaco chiede chiarimenti all’ufficio comunale

Aversa – Il problema dell’irrigazione dell’area verde di Parco Pozzi era già all’attenzione del sindaco che ha richiesto all’ufficio Verde pubblico una relazione dettagliata sulle criticità dell’impianto.

“Non contestiamo la carenza di fondi per la cura del verde (carenza che, come scritto in altre occasioni, è giusto ricordare è generalizzata a tutti i settori dell’attività comunale, ndr) ma il come vengono spesi quelli destinati al verde. Questo a prescindere se vi siano o meno in bilancio fondi destinati al verde pubblico che comunque stiamo curando operando con il criterio del massimo risparmio, utilizzando nostri operai”, afferma Enrico De Cristofaro, replicando alla notizia di un presunto “allarme siccità” nel Parco Pozzi creato per mancanza d’irrigazione (leggi qui).

“Quello che mi preme chiarire è che occorre verificare – continua il sindaco – se i soldi spesi per l’impianto d’irrigazione, per le pompe e tutto quanto connesso, siano stati spesi in maniera giusta”. “Quanto al carrello per la potatura degli alberi viene riparato un giorno si ed uno no. E considerando che viene riparato puntualmente ogni volta che va fuori uso c’è la responsabilità di qualcuno che deve verificare se la riparazione è stata fatta in maniera corretta”, aggiunge De Cristofaro.

Tornando all’impianto d’irrigazione di Parco Pozzi, il primo cittadino fa sapere: “Mi risulta che l’impianto abbia dato problemi fin dall’apertura del parco perché ci sono stati molti interventi sia all’impianto d’irrigazione sia alla fontana. Interventi che non erano stati previsti e che, a mio parere, non dovevano essere effettuati, tranne che in casi eccezionali, una volta consegnato il parco”.

“Questo – sottolinea De Cristofaro – mi fa pensare che ci fossero delle deficienze fin dall’origine, deficienze che avrebbero dovuto essere verificate da chi era preposto a questa incombenza”. “Per questo motivo – conclude – ho chiesto all’ufficio una relazione tecnica ad horas per avere tutte le informazioni relative che, naturalmente, renderò note”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico