Home

‘No’ di Londra al trasferimento del piccolo Charlie in Italia: appello di 40 eurodeputati

Quaranta eurodeputati esprimono in una lettera il loro fermo “appoggio alla famiglia di Charlie Gard”, il bimbo inglese colpito da una rarissima malattia a cui i medici vogliono staccare la spina contro la volontà dei genitori, esprimendo la loro preoccupazione al riguardo. Dall’Italia il ‘Bambin Gesù’ di Roma si offre di assisterlo e tenerlo in vita. Ma la risposta di Londra è un fermo ‘no’.

E’ impossibile accogliere l’offerta di ricoverare il piccolo all’ospedale Bambino Gesù di Roma, ha detto infatti il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, rispondendo al titolare della Farnesina, Angelino Alfano, in un colloquio telefonico. Johnson ha espresso gratitudine e apprezzamento per l’offerta italiana ma ha spiegato che ragioni legali impediscono alla Gran Bretagna di accoglierla.

Intanto, in una lettera al Parlamento europeo, 40 eurodeputati hanno espresso “il nostro pieno appoggio alla famiglia di Charlie Gard” esprimendo la loro preoccupazione “per il risultato oltraggioso di un caso che infrange i valori fondamentali dell’Europa, in particolare il diritto alla vita”.

“L’amore per il proprio bambino spesso conduce i genitori a superare quello che è normalmente possibile; proprio come nel caso di Chris Gard e Connie Yates, che sono riusciti a raccogliere 1,4 milioni di dollari” per finanziare “procedure mediche innovative eticamente sostenibili”, continua il documento. “Hanno trovato con successo un trattamento sperimentale negli Stati Uniti”.

Poi un interrogativo: “Come è possibile che anche oggi, nel ventunesimo secolo, in tempi in cui noi stessi definiamo la nostra epoca come quella che rispetta i valori fondamentali della vita e della dignità umana, il Regno Unito non agisca nel migliore interesse dei suoi cittadini?”. La missiva si conclude così: “Noi, sottoscrittori deputati del Parlamento europeo, intendiamo rispondere con un chiaro ‘no’ e condanniamo fermamente la vergognosa condotta che minaccia questi valori della nostra società civile”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico