Aversa

Aversa, Palmieri: “Bene lavori stradali, ma non alimentare caos”

Aversa – Il più volte assessore comunale e segretario di partito, Nicola Palmieri, oggi presidente dell’Associazione Periti Assicurativi del Tribunale Napoli Nord, dopo aver evidenziato una serie di problemi che attanagliano Aversa, si concentra sulla viabilità, strettamente legata alla vivibilità ed alla crescita, anche economica, della città.

L’intervento di Palmieri prende spunto dal caos creato in città dal contemporaneo avvio, tra l’altro poco o per nulla pubblicizzato, di lavori di manutenzione stradale che, nella mattinata del 13 giugno, hanno completamente paralizzato la città, con notevoli disagi per gli automobilisti, che hanno accumulato notevoli ritardi sulla loro abituale tabella di marcia, ritardi che inevitabilmente hanno finito per ripercuotersi sulle attività condotte o sui luoghi di lavoro degli stessi automobilisti.

“È sicuramente positivo – esordisce Palmieri – che si realizzino lavori di rifacimento stradale che migliorano la percorribilità delle arterie cittadine e, laddove eseguiti a regola d’arte, riducono anche il pericolo di danni da insidie e trabocchetti. Tuttavia, almeno e soprattutto per i lavori che interessano strade principali ed a elevata percorrenza, sarebbe opportuna – sottolinea Palmieri – una attenta programmazione e la previsione dell’esecuzione notturna dei lavori stessi, che avrebbe sicuramente un impatto minore sulla viabilità e sul traffico cittadino già estremamente caotico”.

“Accanto a questi semplici accorgimenti – continua Palmieri – andrebbero previste una maggiore informazione della cittadinanza circa i lavori da eseguire, gli orari e gli eventuali percorsi alternativi e una massiccia presenza della Polizia municipale non solo nelle immediate vicinanza del luogo interessato dai lavori ma lungo tutte le arterie cittadine che conducono nella zona in cui si svolgono i lavori, al fine di consigliare agli automobilisti strade e percorsi alternativi, onde evitare imbottigliamenti e file chilometriche”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico