Aversa

Aversa, “Per e Dentro Napoli”: mostra fotografica di Giovanni D’Angelo

Aversa – Il pittore aversano Domenico Napolitano, insieme a Roberta Palma, curerà la mostra fotografica del giovane artista aversano Giovanni d’Angelo che si terrà a Napoli nella Casa della Cultura e dei Giovani di via Grottole 1, nel quartiere di Pianura.

La mostra, allestita da Salvatore Prezioso, entra a far parte della rassegna Giugno Giovani 2017 promossa dall’Assessorato ai Giovani del comune di Napoli. La mostra intitolata “Per e Dentro Napoli” che sarà visitabile dal 15 al 30 è parte integrante del ciclo “Il silenzio degli occhi”. Proporrà ai visitatori una collezione di dittici fotografici che affiancheranno ritratti ad occhi chiusi a foto di una Napoli che l’autore definisce “terza”, perché diversa dai due aspetti più noti della città: la Napoli delle cartoline e quella del degrado.

“Il silenzio degli occhi – commenta Napolitano – è forse proprio questo, mettere in evidenza l’incapacità di vedere e di sentire al di là del fenomeno biologico, di negare l’empatia col soggetto visibile e il suo nesso col contesto. L’osservatore che esplora come in una carrellata questi soggetti, uomini e donne, famosi e non, coglie la metafora di un’umanità che sceglie di non voler vedere, che decide forse inconsapevolmente di non percepire il visibile con flusso cosciente e consapevolezza, che chiude gli occhi e sceglie ‘il silenzio’ alla denuncia”.

“L’altro elemento che colpisce – continua Napolitano – è psicologico. Che cosa staranno pensando i protagonisti delle foto? Alcuni indugiano nell’attimo appena seguente alla richiesta dell’artista, di posare abbassando le palpebre, sembra di percepirne il lieve senso di vertigine seguito da una impercettibile perdita dell’equilibrio, appena un istante e parte il click’ del fotografo”.

“Altri – prosegue l’artista – sembrano sorpresi, un sorriso con disinvolta cortesia, quasi accennato, ne caratterizza l’espressione. Altri invece, sono profondamente immersi in una sorta di autoriflessione, si coglie quasi la fatica in quell’atto indotto di distacco percettivo dalla realtà, una sorta di partecipazione emotiva traspare evidente in quel silenzio. Il mondo visibile viene percepito attraverso i sensi e questo viene dato per scontato a livello biologico, tanto che nessuno, a parte gli artisti e gli addetti ai lavori, sembra esserne cosciente, quella percezione viene però rielaborata dalla mente attraverso un giudizio filtrato dalla propria sensibilità e dal personale giudizio sul mondo. Questa componente psicologica è fondamentale”.

“Il nostro mondo è quello percepito e la sua percezione implica un giudizio o se si vuole, un ‘pregiudizio’. Le risposte dovrà cercarle l’osservatore, scegliendo di tenere gli occhi ben aperti”, conclude Napolitano.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico