Trentola Ducenta

Trentola Ducenta, coniugi disabili scrivono al sindaco di Milano: “Ci accolga nella sua città”

Se non fosse irriverente, la storia di Giustina e Pasquale potrebbe definirsi “fuga di disabili”. Una coppia, marito e moglie, entrambi con difficoltà motorie che hanno scelto di lasciare Trentola Ducenta, loro paese d’origine, per andare a Milano, nella certezza (visto che vi sono già stati) che lì quelli come loro vivono meglio perché vi è maggiore assistenza.

Una storia amara, ma reale. Scrivono al primo cittadino del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala e a tutti i milanesi: “Siamo due coniugi, affetti da gravi disabilità, ci troviamo per la prima volta a scriverle pubblicamente a causa di un forte disagio che stiamo vivendo in questi anni, da quando ci siamo trasferiti a Trentola Ducenta, dopo aver vissuto i nostri anni più belli, l’infanzia e la giovinezza a Milano, la città che riteniamo, la nostra, pur essendo noi due campani”. “Negli anni milanesi – ricordano – siamo stati ospiti della struttura Don Gnocchi, poiché affetti da poliomielite, che ci ha poi costretti a vivere una intera vita con la disabilità. Disabilità di per sé molto grave e invalidante, ma, sino a quando eravamo a Milano, grazie all’assistenza e ai servizi cittadini, non ne avvertivamo il peso, così come lo avvertiamo oggi. Un macigno che ci rende invivibile e faticosa l’esistenza”.

“Per questo, – continuano – non volendo disprezzare la Campania, nostra terra natia, che pur essendo meravigliosa per molti aspetti, sul piano dell’assistenza e dei servizi sanitari ed in particolare per i disabili, è anni luce indietro rispetto a Milano e alle altre città europee. Ormai, abbiamo raggiunto una certa età, siamo soli e non riusciamo più a vivere, anzi a sopravvivere in queste condizioni. Il nostro sogno è tornare a Milano, lì dove ci sentiamo a casa”.

Da qui l’appello al primo cittadino ambrosiano: “Ci appelliamo a Lei, signor Sindaco, e a tutti i milanesi, affinché non resti indifferente alla nostra richiesta di essere accolti a Milano, in una casa adeguata alle nostre esigenze. Noi, attualmente, paghiamo un mutuo per la casa in cui siamo e vorremmo venderla per trasferirci”.

“La preghiamo – concludono i due coniugi – di realizzare il nostro desiderio, che nulla toglie ad altri, ma tanto darebbe a noi. Tante sono le figure professionalmente preparate, pronte a supplire ad ogni incombenza, quelle che si trovano a Milano. Questo ci ha fatto sentire fortunati in passato e ci renderebbe felici oggi. In poche parole, con grande fatica e volontà, con la collaborazione di tutte queste figure, potrebbe essere avviato un lavoro importantissimo per migliorare le nostre condizioni di vita.  Ci appelliamo a lei perché crediamo ancora che ci sia uno spiraglio di speranza affinché noi possiamo essere ancora felici, lì dove lo siamo stati per anni”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico