Aversa

Ordine Santo Sepolcro di Gerusalemme, nominati i nuovi delegati di Aversa e Grumo Nevano

Domenica tre importanti eventi per l’Ordine del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Hanno assunto la guida della delegazione di Aversa il cavalier avvocato Nicola Pagano e quella di Grumo Nevano il cavalier dottor Luigi Peluso.

Dopo la messa solenne cantata dal soprano lirico Miriam Cicotti, il vescovo di Aversa Angelo Spinillo e il preside della sezione Campania “Napoli – Terra di Lavoro”, il commendator avvocato Raffaele Gaetano Crisileo, hanno presentato i due nuovi delegati che assumono le funzioni apicali delle rispettive delegazioni affiancando l’omologo di Capua il cavalier dottor Mauro Bologna.

Il cavaliere decano Damiano Prezioso ha donato al vescovo di Aversa, priore ecclesiastico e grande ufficiale della sezione “Napoli – Terra di Lavoro”, una targa d’argento. Un riconoscimento al vicepresidente nazionale della Cei per il Sud Italia “per la sua illuminante azione pastorale, per il suo pensare con verità”. Al vescovo Spinillo è stata anche donata la medaglia rappresentativa della sezione che domenica è stata presentata ufficialmente alla presenza dei cavalieri decani della sezione, dottor Alfredo Perrone, dottor Mario Del Prete, dottor Riccardo Montanino, ingegner Salvatore Delle Femine, avvocato Mario Romano.

La medaglia in argento che il neocavaliere Vincenzo Improta ha disegnato come ricordo a memoria grata a tiratura limitata (coniati solo 600 pezzi da collezione) riporta, sul diritto, lo stemma della sezione, uno scudo con la Croce di Terra Santa, rossa, in ricordo del sangue di Cristo, e i contorni in oro, simbolo della Resurrezione. E poi sotto la Conchiglia del Pellegrino, simbolo di chi visita Gerusalemme. Invece sul rovescio, l’Edicola del Santo Sepolcro con la effigie due cavalieri crociati che ricordano la vocazione degli appartenenti all’Ordine; un tempo la difesa del Santo Sepolcro con le armi ed oggi, attraverso la carità, l’assistenza ai cristiani di Terra Santa.

Presente, in rappresentanza del luogotenente per l’Italia Meridionale Tirrenica, cavaliere di Gran Croce Giovanni Napolitano, il commendator Vincenzo Manna. L’Ordine – per volere di Papa Benedetto XVI – è retto al vertice come gran maestro il cardinale E.F. O’Brien ed è la sola istituzione della Santa Sede deputata a sopperire alle necessità del Patriarcato dei Latini in Gerusalemme.

Fondato nel 1099 è presente in 60 Stati con oltre trentamila membri attivi. Dalla fine del secolo scorso ad oggi l’Ordine ha finanziato la realizzazione di 44 Scuole Patriarcali in Israele, Palestina e Giordania e oggi ne sostiene i costi di gestione. Queste scuole ospitano oltre 22mila allievi e sono frequentate mediamente da un 65% di Cristiani (tra cattolici, ortodossi, etc.) e da un 35% di Musulmani. L’impegno mira a creare – fin dalla tenera età – l’abitudine al rispetto reciproco tra diverse etnie e professioni di fede.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico