Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Camorra, faida tra clan di Marcianise: 3 arresti per omicidio Piccolo

Gli agenti della squadra mobile di Caserta hanno tratto eseguito tre ordinanze di custodia cautelare a carico del boss Domenico Belforte (nella foto), 60 anni, di Marcianise, Felice Napoletano, 54, entrambi già detenuti, e Gennaro Buonanno, 68 anni, già ai domiciliari. Sono tutti ritenuti responsabili dell’omicidio di Angelo Piccolo, avvenuto a Casoria il 14 marzo 1996, reato aggravato dalla finalità mafiosa, poiché commesso con l’obiettivo di favorire il clan camorristico dei Belforte.

Dalle indagini è emerso che l’episodio criminoso è maturato nell’ambito della dura contrapposizione, molto risalente negli anni, tra il clan Belforte, anche detto dei Mazzacane ed il clan Piccolo, detto dei “Quaqquaroni”, di cui la vittima, Angelo Piccolo, era esponente apicale; rivalità dovuta al controllo delle attività illecite nel territorio di Marcianise e zone limitrofe.

Tra il 1994-1995 maturavano gli eventi prodromici all’omicidio di Piccolo Angelo. In particolare, Napolitano Felice, detto “Capitone”, fino ad allora killer del clan Piccolo, e i fratelli Domenico e Salvatore Belforte, durante un periodo di comune detenzione nel carcere di Benevento, stringevano un patto segreto che prevedeva il passaggio di numerosi affiliati del clan Piccolo nelle file del clan Belforte e l’eliminazione dei restanti esponenti rimasti fedeli al capo clan Piccolo Angelo.

L’accordo aveva consentito ai transfughi ed ai nuovi alleati di attirare in trappole mortali gli uomini più fidati di Piccolo Angelo: Di Giovanni Alfredo, ucciso il 11.10.1995, Lasco Francesco, ucciso il 30.12.1995, Piccolo Raffaele, ucciso l ‘1.2.1996 e lo stesso boss che viene ucciso a Caivano il 14.3.1996. Era riesplosa così, nella seconda metà degli anni novanta, la faida tra le due famiglie che aveva colpito ancora profondamente la famiglia Piccolo con l’omicidio di Piccolo Giovanni, altro fratello di Antimo ed Angelo, ucciso nella propria stanza da letto il 5.12.1997. Qualche mese prima, il 10.4.1997, per un regolamento di conti interno al clan Belforte, erano stati uccisi i coniugi Letizia Biagio e Breda Giovanna.

Al termine di questa guerra di camorra, la famiglia Belforte, scalzando gli avversari, aveva conquistato totalmente la piazza di Marcianise e del vicino Comune di Capodrise diventando l’unico e indiscusso punto di riferimento criminale, imponendo la propria egemonia in tutte le attività illecite anche nel territorio dei Comuni di San Marco Evangelista, San Nicola la Strada, Maddaloni e Caserta, egemonia rafforzata da un patto di non belligeranza con il clan dei casalesi.

Tanto premesso, le indagini sull’omicidio che oggi hanno consentito di trarre in arresto tre esponenti di spicco del clan Belforte, sinora mai colpiti da una sentenza definitiva alla pena dell’ergastolo, hanno ricevuto un determinante impulso dalle dichiarazioni rese da numerosi collaboratori di Giustizia, tra cui Domenico Frascogna, Paolo Di Grazia, Michele Froncillo, Bruno Buttone, Antonio Gerardi, Orlando Lucariello, Antonio Iovine ed infine, determinante è stata la collaborazione, dal 2015, di Salvatore Belforte, esponente apicale dell’omonima organizzazione mafiosa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico