Aversa

Aversa, musica e movida: Arpac esegue rilievi fonometrici

Aversa – Rilievi fonometrici da parte delle strutture specializzate dell’Arpac (Agenzia Regionale per l’Ambiente della Campania) nei locali della movida normanna. Ad essere visitati dagli esperti dell’Agenzia regionale tre locali della zona topica dell’aggregazione dei fine settimana, via Seggio e dintorni, che erano stati, in precedenza multati dalla polizia municipale per non aver rispettato l’ordinanza sindacale che prevede lo stop della musica all’esterno.

All’epoca il sindaco Enrico De Cristofaro, non ancora alle prese con i suoi guai giudiziari, promise che avrebbe chiesto l’intervento dell’Arpac e così è stato. Per conoscere i risultati, però, si dovrà attendere qualche settimana.

“Si tratta – ha dichiarato il consigliere comunale di Forza Aversa Michele Galluccio, delegato al settore – di una visita che avevamo sollecitato noi come amministrazione ed è la prova che questa maggioranza non sottovaluta affatto questo fenomeno che, lo ripetiamo, rappresenta una ricchezza per Aversa, ma che, ovviamente, deve essere governato per cercare di armonizzare i diversi interessi sul tavolo, da quelli degli imprenditori che hanno investito in proprio a quelli dei residenti nelle zone maggiormente interessate a quelli degli stessi giovani che pure hanno diritto al loro divertimento”.

“È nostra intenzione – ha continuato Galluccio – assicurare una movida più sicura ed in questo senso ci stiamo muovendo. Abbiamo dato vita ad un progetto che, grazie all’utilizzo di una parte dei proventi delle contravvenzioni al codice della strada, ci consentirà di utilizzare cinque agenti fissi di polizia municipale nelle tre serate di fine settimana. Ovviamente, non riusciremo mai a garantire la sicurezza di un’intera città e di centinaia di giovani assiepati con questa sola forza. È necessario, quindi, che, così come sta avvenendo in questi ultimi fine settimana, ci siano in strada anche altre forze dell’ordine, polizia, carabinieri e guardia di finanza, la cui presenza fa registrare ottimi risultati sia in campo preventivo che repressivo”.

Sempre in tema di movida, a breve dovrebbe attuarsi il progetto per la mobilitato deciso insieme all’associazione Democrazia & Territorio. Previsti otto varchi d’ingresso per accedere alla zona movida, un ampliamento della zona per aree limitrofe a via Seggio, interessando di fatto tutto il centro storico cittadino, alle quali sarà possibile accedere lasciando le autovetture in cinque parcheggi pubblici segnalati con pannelli luminosi indicanti il numero dei posti liberi, che saranno a pagamento e controllati perché non vi siano danni né furti alle autovetture, garantendo la sicurezza dei cittadini con le forze di polizia municipale alle quali dovranno aggiungersi le altre forze dell’ordine.

Particolare attenzione l’amministrazione comunale intende porre alla normativa che regola la somministrazione di bevande negli orari stabiliti e il divieto di somministrazione di alcolici ai minori. Attenzione al controllo delle emissioni sonore (in questo senso si inquadra anche il controllo dei tecnici dell’Arpac), al rispetto degli orari fissati per consentire la musica nei locali. Naturalmente la ztl sarà video sorvegliata (senza l’ausilio di uomini) con la possibilità di contravvenzionare le autovetture che passeranno senza averne diritto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico