Esteri

Usa, United Airlines impone dress code in volo: no a imbarco per donne con leggings

E’ polemica per la decisione della United Airlines di negare l’imbarco ad alcune donne a meno che non cambiassero o coprissero i leggings che indossavano, violando il dress code della compagnia. La vicenda è stata denunciata su Twitter dall’attivista Shannon Watts, testimone oculare di quanto accaduto all’aeroporto di Denver, prima di un volo per Minneappolis.

Due adolescenti sono rimaste a terra, mentre una bimba dell’apparente età di 10 anni è stata fatta salire a bordo dopo che la madre le ha cambiato l’indumento “incriminato”. “Ma ricordate che il padre aveva gli short che non arrivavano al ginocchio e non c’è stato alcun problema”, ha sottolineato Watts.

In Rete si è scatenata una pioggia di reazioni sdegnate contro una politica definita sessista, con vari appelli a boicottare la compagnia aerea.

United American ha difeso la sua decisione su Twitter, prima affermando di avere il diritto di rifiutare passeggeri che non sono vestiti in modo appropriato in base al suo contratto di trasporto, poi precisando che le passeggere in questione erano “United pass riders”, ossia in possesso di biglietti concessi a parenti stretti di dipendenti della compagnia, che non rispettavano il suo dress code per tali benefit.

Le precisazioni non sono bastate a placare lo tsunami di reazioni sui social media. La modella Chrissy Teigen ha scritto: “Ho volato United praticamente nuda, solo con un top. La prossima volta mi metterò i jeans e un velo”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico