Carinaro

Aversa “sfratta” Carinaro da area mercato. Masi: “Si convochi subito conferenza di servizi”

Carinaro – Se la riunione di venerdì scorso nella casa comunale doveva servire a fare chiarezza in ordine alla ipotesi di spostamento del mercato e, più in generale, alla possibilità che il Comune di Carinaro possa continuare a tenere in fitto lo spazio anche della villa comunale, per l’ex sindaco Mario Masi quella chiarezza “non è arrivata”.

“La colpa – spiega Masi – non è da attribuire ai promotori dell’incontro – il Movimento 5 Stelle – né tantomeno all’opposizione consiliare, addirittura accusata di voler strumentalizzare lo spostamento, ben sapendo però che sono gli ambulanti, i commercianti e gli stessi cittadini ad essere arrabbiati per il paventato trasferimento del mercato alla periferia nord del paese”.

“E’ stato invece lo stesso sindaco, con la sua relazione – sostiene l’ex sindaco – a creare dubbi e perplessità. Dalla relazione del primo cittadino, tutta condita con tanti ‘se’ e ‘ma’, nessuno è riuscito a capire se il mercato si sposterà o meno e se continueremo a tenere in fitto lo spazio della villa comunale. Anzi, il sindaco ha dichiarato la provvisorietà dell’attuale sede mercatale, ed ha preannunciato, in forma piuttosto enigmatica e misteriosa, che l’Amministrazione sta lavorando attorno alla ricerca di altre soluzioni, sia per la villa che per il mercato. Da tutto ciò ne è derivata per i presenti alla riunione non solo mancanza di chiarezza, ma addirittura la confusione più totale”.

La domanda a base dell’incontro era: lasciamo l’area demaniale perché il Comune di Aversa ci ‘sfratta’ o è l’Amministrazione di Carinaro a voler lasciare perché non la reputa più conveniente? “L’associazione ‘Terra Nostra’, intervenuta al dibattito – spiega ancora Masi – si è sforzata di evidenziare che vi sono tantissimi motivi, tecnico-giuridici e di opportunità, sia per contestare al Comune di Aversa una ipotizzata decisione di ‘sfratto’ e sia per far capire all’amministrazione di Carinaro che non è conveniente, né opportuno, lasciare quel sito. L’area ex demaniale è stata ed è ancora una straordinaria attrezzatura civile della nostra comunità, il miglior biglietto di ingresso per il nostro paese, addirittura compensativa del deficit di standard urbanistici che il paese si trova a sopportare. Lasciarla o decidere di non difenderla con tutte le nostre forze, magari anche con i mezzi legali, è miopia politica, una vera e propria follia”.

Secondo Masi, “immaginare altri spazi nel centro del paese idonei a sostituirla, significa soltanto fare sogni che si scontrano con la realtà. Dove sono questi spazi nel centro del paese? Ammesso che ve ne siano, dove sono i soldi per acquisirli e realizzare le nuove attrezzature? Lasciarla nella disponibilità del Comune di Aversa, significa esporla al rischio di un sicuro e veloce degrado, atteso che il Comune di Aversa avrebbe difficoltà a manutenerla e soprattutto a vigilarla. Sarebbe destinata cioè a ridiventare presto una discarica pubblica, così come era 50 anni or sono”.

Masi, inoltre, sottolinea come alla riunione mancasse, “perché non invitata, l’amministrazione di Aversa, la vera interlocutrice di questa vicenda, l’unica chiamata a dover darci le assicurazioni sia sull’obbligo di rispettare l’intesa, formalizzata con la precedente amministrazione di Carinaro. Tale intesa prevedeva che la pista di atletica da realizzare fosse costruita sull’ultima parte dell’area e che lo spazio mercato e quello della villa comunale dovessero restare in uso al comune di Carinaro. Va fatto rilevare che i rapporti di buon vicinato si dimostrano con i fatti e non con le parole, così come ha sempre fatto il Comune di Carinaro, assicurando da sempre agli abitanti di via Petrarca, una via di Aversa, acqua, fognatura, luce e, da alcuni anni, anche il metano. Dimenticare tutto questo, significa farci rivedere tutti i nostri atteggiamenti di antica disponibilità”.

Per l’ex sindaco “l’amministrazione di Aversa dimostrerà altrettanta saggezza e buon senso. Si accantoni, perciò, l’irreale sogno di costruire nuove ville e nuovi mercati e si chieda subito che il Comune di Aversa convochi a breve una conferenza di servizi nella quale, insieme anche alle associazioni ai movimenti giovanili del territorio, poter discutere e trovare le necessarie intese sia per la gestione condivisa dell’ex area demaniale, ma anche per la risoluzione di tanti altri problemi comuni alle due città”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, abbattimento di pini a rischio nel Parco Pozzi https://t.co/mZ8pTOuGtU

70 anni Dichiarazione Diritti dell’Uomo: a Napoli unica tappa italiana di Human Rights Film https://t.co/zIRfdYatjr

Liberato, in migliaia acclamano il rapper senza volto https://t.co/JvAHFfXVtL

Napoli - Liberato, in migliaia acclamano il rapper senza volto (10.05.18) https://t.co/afciQg3PvQ

Condividi con un amico