Napoli

Camorra, il boss Lo Russo svela caso di “lupara bianca”: 6 arresti

Furono attirati in una trappola, uccisi in una sala biliardo e i cadaveri fatti sparire: il tutto nell’ambito di un’epurazione interna al clan degli scissionisti.

Grazie a due collaboratori di giustizia di caratura, e alle indagini della Dia, si è fatta luce sul duplice omicidio di Massimo Frascogna e Ruggiero Lazzaro, due affiliati al clan Amato-Pagano, uccisi a Napoli, nel quartiere Miano, il 26 luglio del 2007, da sei persone ritenute legate al clan Lo Russo.

I destinatari dei provvedimenti – tutti già in carcere – agirono per conto degli scissionisti, loro alleati, utilizzando con il cosiddetto metodo della “lupara bianca”.

Le dichiarazioni sono state rese da Antonio Lo Russo, il boss “tifoso”, e da Biagio Esposito i quali hanno ricostruito la vicenda, con gli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia, fornendo informazioni su mandanti, esecutori materiali, modalità organizzative e attuative e, infine, il movente.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico