Aversa

Status di donatore di organi su carta di identità: la Città di Aversa aderisce

Il Comune di Aversa ha aderito al progetto ‘Una scelta in Comune’, iniziativa che dà la possibilità ai cittadini maggiorenni di dichiarare, al momento del rinnovo della carta di identità, la propria volontà di donare organi e tessuti in caso di morte. Ad annunciarlo il sindaco Enrico de Cristofaro che spiega: “E’ un’iniziativa molto semplice da attuare ma molto importante per chi è in attesa, magari da anni, di un trapianto. Donare significa anche garantire condizioni di vita migliori a chi è obbligato a terapie lunghe come la dialisi, o permettere di riacquistare la vista a chi l’aveva perduta attraverso il trapianto di cornea”.

L’amministrazione comunale normanna ha deciso di attuare la normativa che consente ai Comuni di raccogliere tale “informazione” allo sportello dell’anagrafe in occasione del rinnovo della carta d’identità e di trasmetterla al Sistema Informativo Trapianti del Ministero della Salute.

Il progetto è stato promosso dall’Aido – Associazione italiana donatori organi – e seguita in Comune dal consigliere Francesco Di Virgilio. “Donare – ha detto il consigliere comunale – significa quasi sempre salvare una vita: chi è in attesa di un organo può contare solo sulla donazione per continuare a vivere. È un gesto di solidarietà e di amore verso il prossimo. A breve ci sarà la possibilità di esprimere il proprio consenso – od anche il diniego – alla donazione degli organi in occasione del rinnovo della carta d’identità. Deve essere solo aggiornato il software della casa comunale per apportare le modifiche gestionali per registrare la dichiarazione di volontà dei cittadini per poi inviarla telematicamente al Sistema Informativo Trapianti. La trascrizione sarà effettuata sulla carta d’identità solo su esplicita richiesta del cittadino a cui verrà richiesto di esprimersi sottoscrivendo uno specifico modulo, del quale riceverà copia che non deve accompagnare la carta d’identità”.

“Sarà possibile dare il proprio consenso e modificare in qualunque momento la volontà espressa – ha detto l’assessore Alfonso Oliva, che ha la delega dei servizi al cittadino – sottoscrivendo la dichiarazione di volontà positiva alla quale i familiari non possono opporsi. Qualora al momento del rinnovo della carta d’identità si dovesse sottoscrivere una dichiarazione di volontà negativa non c’è prelievo di organi, se invece non viene espressa alcuna scelta, il prelievo è consentito solo con il consenso dei familiari aventi diritto”.

Il progetto è partito già da tempo ed è in fase attuativa. Sarà esecutivo al momento dell’aggiornamento del software gestionale del Comune. Intanto, il personale dipendente già a fine gennaio è stato aggiornato attraverso un corso di formazione ad hoc presso l’ospedale “Cardarelli” di Napoli.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico