Home

Pd, Renzi: “Congresso o primarie, ma chi perde deve rispettare il voto”

Per rilanciare l’idea del Pd come “motore del cambiamento” in Italia e in Europa, “abbiamo bisogno di due cose: un grande coinvolgimento popolare e una leadership legittimata da un passaggio popolare. Ma abbiamo anche bisogno che chi perde un congresso o le primarie il giorno dopo rispetti l’esito del voto”. E’ uno dei passaggi della lettera che Matteo Renzi invierà oggi dopo la direzione Pd a tutti gli iscritti al partito.

In platea ad ascoltare il segretario ci saranno i membri della direzione, ma anche parlamentari e segretari provinciali. Non mancherà il premier Paolo Gentiloni e sarà presente anche il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che non è iscritto al Pd ma è stato invitato da Renzi. Sul fronte della minoranza, ci sara’ Pier Luigi Bersani e potrebbe tornare, dopo lunga assenza, Massimo D’Alema. Si parlerà di congresso e legge elettorale: convitato di pietra, l’ipotesi di elezioni anticipate contro cui si battono minoranza Pd e un pezzo di maggioranza.

Ma la minoranza Dem non si fida di Renzi e avverte che le regole del congresso vanno concordate insieme e sui tempi non possono esserci blitz. Gianni Cuperlo evoca la scissione, Michele Emiliano attacca il segretario, Enrico Rossi chiede la nomina di un segretario di garanzia per la fase congressuale. A loro la replica di Lorenzo Guerini: “Si è superato il livello di guardia. Basta con il logoramento”.

Renzi nella lettera ritorna a uno dei suoi temi più cari: il rinnovamento. “Cari amici e compagni del Pd, tutta la politica italiana sembra tornata alla Prima Repubblica. Dobbiamo rilanciare, con energia e entusiasmo, l’idea del Pd come motore del cambiamento, in Italia e in Europa”. E’ uno dei passaggi della lettera secondo quanto anticipa l’agenzia di stampa Ansa.

“Non possiamo lasciare l’Europa al lepenismo e al populismo. Dobbiamo avanzare le nostre idee e far sentire alta la voce dei nostri valori, dei nostri ideali ma – si legge ancora – anche delle nostre proposte concrete”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico