Home

Mafia Capitale, archiviate 113 posizioni: anche Alemanno e Zingaretti

Anche l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e l’ex capo di gabinetto Maurizio Venafro sono tra i 113 indagati le cui posizioni sono state archiviate nell’inchiesta su Mafia Capitale. Lo ha deciso il gip di Roma Flavia Costantini, che ha archiviato anche alcune fattispecie di reato contestate a soggetti sotto processo, come Massimo Carminati, Salvatore Buzzi, Mirko Coratti.

La gip Costantini ha respinto la richiesta di archiviazione solo per tre delle 116 richieste arrivate dai pm titolari dell’indagine: l’imprenditore Salvatore Forlenza, l’ex consigliere comunale (lista civica Marino sindaco) Luca Giansanti, e Alfredo Ferrari ex presidente della commissione bilancio del Comune (Pd).

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, era stato indagato per sospetto concorso in corruzione per due episodi avvenuti prima del 2011 e nel 2013 e per turbativa d’asta a causa di una serie di dichiarazioni che aveva fatto Salvatore Buzzi, uno dei principali imputati, durante gli interrogatori.

Dopo le sue accuse gli inquirenti avevano svolto delle verifiche che però non hanno portato a niente. Nella richiesta generale di archiviazione i pubblici ministeri avevano scritto: “Occorre precisare che le indicazioni fornite da Buzzi sono apparse sospette e ancorate a una precisa strategia difensiva, proiettata a dimostrare la propria estraneità all’associazione di tipo mafioso contestatagli e ad accreditarsi dinanzi agli inquirenti quale collaboratore dell`autorità giudiziaria”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico