Aversa

Aversa, un Garante per i diritti dei disabili: Commissione approva proposta del M5S

Aversa – Si è riunita martedì 14 febbraio la Commissione Statuto del Comune di Aversa. Durante i lavori i componenti della commissione hanno votato all’unanimità la proposta della consigliera del Movimento 5 Stelle, Maria Grazia Mazzoni (nella foto), di modifica dello Statuto Comunale per l’istituzione del Garante per i diritti dei disabili.

La proposta, che nasce dalla convenzione Onu (2006) sui diritti delle persone con disabilità, viene ratificata in Italia con la legge 18 del 2009 con la quale lo Stato s’impegna a porre in essere ogni atto e strumento legislativo affinché vengano eliminate le discriminazioni nei confronti delle persone affette da disabilità.

“Nonostante le numerose leggi in materia, a partire da quella più importante, la legge104 del ’92, ancora oggi le persone diversamente abili fanno fatica ad ottenere il riconoscimento dei loro diritti”, spiega Mazzoni, che sottolinea: “E’ proprio per dare attuazione ai principi sanciti dalla convenzione Onu che nasce la necessità di introdurre nell’ambito dell’amministrazione pubblica una figura che possa fare da tramite tra la burocrazia, con le sue omissioni, e il riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità”.

Ora la parola al Consiglio comunale che dovrà votare la proposta. Mazzoni, intanto, ringrazia maggioranza e opposizione ma soprattutto il gruppo degli attivisti del M5S aversano che hanno lavorato per mesi a questo progetto. “L’istituzione del garante per i disabili è il primo, piccolo passo per una società più giusta”, afferma la consigliera pentastellata.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, l'istituto comprensivo "Santagata" pubblica l'annuario 2017-2018 - https://t.co/l8J24nPC7t

Aversa, Raphaela Lukudo madrina della Stranormanna 2018 - https://t.co/kfy1joOqwy

10 agosto, la Città di Aversa celebra la Festività di San Lorenzo - https://t.co/TYQYdWBtQr

Caserta, evasione fiscale: sequestrati beni per 470mila euro a casa di cura - https://t.co/lscAjHYTZT

Condividi con un amico