Home

Tritolo per uccidere procuratore di Napoli, sequestrati beni a giostraio

Beni per un ammontare complessivo di 1,2 milioni sono stati sequestrati dai carabinieri del comando provinciale a un giostraio di Gioia del Colle, già condannato per traffico di sostanze stupefacenti, detenzione di armi da guerra, violazione delle norme sull’immigrazione e ricettazione.

Si tratta di Amilcare Monti Condesnitt, di 48 anni, a carico del quale è stato eseguito il provvedimento emesso dal Tribunale del capoluogo pugliese, su richiesta della locale procura della Direzione distrettuale antimafia.

Il sequestro è stato adottato sulla scorta degli elementi, raccolti in un’indagine avviata nella primavera del 2016, che hanno accertato come, attraverso il reimpiego di proventi derivanti da attività illecite, l’uomo abbia costituito e gestito fiorenti imprese attive nel campo delle attrazioni per luna park itineranti, e acquisito vari beni immobili, mobili registrati e rapporti di conto corrente, realizzando un ingente patrimonio a lui riconducibile, sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati e intestato, in parte, alla sua convivente, la quale figura, peraltro, tra i destinatari di diverse informazioni antimafia, emesse recentemente dalla Prefettura di Bari.

Il sequestro riguarda 6 società di gestione di attività ludiche, 1 appartamento, 1 capannone industriale, 15 fondi rustici, estesi complessivamente su 3 ettari, 7 autoveicoli, 4 conti correnti e una cassetta di sicurezza contenente diversi preziosi.

Il provvedimento, innescato da accertamenti patrimoniali del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Bari, è stato emesso dal Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. Un’attività investigativa che proviene da indagini preliminari riguardanti il rinvenimento, tra aprile e maggio dello scorso anno, di tritolo che, secondo un collaboratore di giustizia, sarebbe dovuto servire a compiere un attentato, ordito dalla camorra, ai danni del Procuratore di Napoli, Giovanni Colangelo, episodio per il quale all’epoca Monti Condesnitt finì in carcere.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico