Home

Resort di lusso “fantasma” sfruttando i nomi John Travolta e Bocelli, 7 arresti

Varese – Sette arresti e sequestro di beni per 18 milioni di euro. E’ l’esito della operazione condotta dai finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Varese che hanno scoperto una associazione per delinquere internazionale finalizzata alla truffa, al riciclaggio e all’abusivismo bancario e finanziario.

Una vera e propria organizzazione criminale internazionale, con basi in Italia, Lussemburgo, Svizzera, Caraibi e Londra, e dedita alla truffa aggravata, appropriazione indebita, abusiva attività finanziaria e bancaria, sollecitazione e raccolta abusiva del risparmio, ostacolo alle funzioni di vigilanza, riciclaggio, autoriciclaggio, circonvenzione di incapaci, falso in atti e sostituzione di persona.

Due le menti a capo dell’intera struttura criminale: un cittadino del varesotto residente a Lugano, Domenico Giannini, e un broker finanziario con doppia cittadinanza italiana e americana, originario di Santo Domingo, Fabio La Rosa. In particolare i due hanno estorto cifre a oltre 200 risparmiatori privati e investitori, per un totale di circa 20 milioni di euro. Vendevano ad ignari cittadini il sogno di un progetto immobiliare per la realizzazione di un complesso turistico alberghiero di extra lusso a “8 stelle”, denominato “Puerto Azul”. Agli investitori era stato fatto credere che si trattasse di un lussuosissimo resort da edificare in un atollo caraibico, al largo delle coste del Belize.

Per dare credito alla truffa i due non hanno esitato a inventare di sana pianta una roboante campagna marketing per Puerto Azul, coinvolgendo nomi di star di Hollywood e artisti internazionali, da John Travolta ad Andrea Bocelli, che sono risultate del tutto estranee al piano delinquenziale. Del resort “a otto stelle” in Belize aveva parlato lo stesso Travolta durante la prima puntata del programma “Music” di Paolo Bonolis, su Canale 5.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico