Napoli

Napoli, concerto dell’Epifania con Mario Biondi e Sergio Cammariere

Napoli – Come ormai accade da 22 anni, anche quest’anno si terrà, al teatro Mediterraneo, il famoso Concerto dell’Epifania 2017. L’evento sarà condotto da Isabella Isoardi e sarà trasmesso su Raiuno, ovviamente in differita, a partire dalle 9,35 del 6 gennaio. Anche se il concerto vero e proprio si terrà due giorni prima, vale a dire il 4 gennaio e sarà, come sempre, ispirato da Papa Francesco e dal suo messaggio lanciato in occasione della 50ima Giornata mondiale della pace.

Il Concerto dell’Epifania vedrà salire sul palco della Mostra d’Oltremare artisti d’eccezione del calibro di Sergio Cammariere e Mario Biondi, entrambi potranno usufruire dell’accompagnamento della famosa orchestra di Santa Chiara guidata da Renato Seri. Ancora una volta, grazie alla tempestiva organizzazione “Oltre il Chiostro onlus” il pubblico italiano, e non solo, potrà godere dello splendido spettacolo che si rinnova ogni anno e che, nel 2017, festeggia la sua 22esima edizione.

Le parole del Santo Padre, stando a quanto riferito dall’ideatore dell’evento, Giuseppe Reale, contro le guerre, contro gli attentati terroristici, gli abusi sui migranti e contro le devastazioni ambientali hanno ispirato il percorso musicale e dialettico in modo tale da riuscire a donare speranza e chi sogna, un giorno, di poter vivere in un mondo migliore. Inoltre, come succede ogni anno, anche durante questa edizione saranno consegnati i premi “Nativity in the World”.

La novità più attesa è sicuramente la sezione dedicata ai giovani musicisti che Giuseppe Reale così descrive: “Ben lontani dalle logiche dei talent show, siamo contenti di poter offrire a giovani musicisti una significativa occasione di crescita professionale e confronto artistico, poiché il futuro va costruito con gli occhi dei giovani”. Il conto alla rovescia può partire, non ci resta che attendere questo evento che rende sicuramente lustro e prestigio alla nostra Napoli, ancora una volta, al centro del mondo culturale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico