Home

Fusione tra Luxottica e Essilor, nasce leader settore occhiali

Luxottica convola a nozze con la francese Essilor, in una fusione da 50 miliardi di euro. Dall’intesa nasce un leader globale nel settore degli occhiali. Leonardo del Vecchio sarà il maggiore azionista, con una quota del 30%, nonché il presidente esecutivo della società mentre l’ad di Essilor, Hubert Sagnieres, sarà il vice presidente. “Con questa intesa si realizza il mio sogno” ha commentato il patron di Luxottica.

Si realizza così una delle più grandi fusioni “cross border” in Europa, che porta alla nascita di un colosso dell’occhialeria con più di 140mila dipendenti e vendite in oltre 150 Paesi. Sulla base dei risultati annuali del 2015 delle due società, il nuovo gruppo avrebbe realizzato ricavi netti per oltre 15 miliardi e un EBITDA netto combinato di circa 3,5 miliardi. Lo annuncia una nota in cui precisa che Delfin sarà il primo socio con una quota tra il 31% e il 38 per cento.

“Con questa operazione si concretizza il mio sogno di dare vita ad un campione nel settore dell’ottica totalmente integrato ed eccellente in ogni sua parte – ha detto Del Vecchio -. Sapevamo da tempo che questa era la soluzione giusta ma solo ora sono maturate le condizioni che l’hanno resa possibile”.

A questa operazione stava lavorando con Mediobanca, unico advisor di Del Vecchio, da 4 anni. “Finalmente, dopo cinquanta anni di attesa, due parti naturalmente complementari, montature e lenti, verranno progettate, realizzate e distribuite sotto lo stesso tetto” commenta il presidente.

Per entrambi i gruppi la missione, si legge in una nota “è migliorare la vista in tutto il mondo attraverso l’innovazione come fattore di crescita, l’eccellenza operativa, lo spirito imprenditoriale e un approccio internazionale”. Il nuovo gruppo prevede di generare nel medio termine progressivamente sinergie di ricavi e di costi per un ammontare tra i 400 milioni e i 600 milioni, con un’accelerazione nel lungo termine.

La nuova realtà beneficerebbe, tra l’altro, di un stato patrimoniale solido e di una forte generazione di cassa, con la flessibilità finanziaria per investire nella crescita futura organica e non. Nel cda otto amministratori saranno nominati da Essilor, oltre a Sagnie’res, due rappresentanti dei dipendenti, un rappresentante di Valoptec e quattro amministratori indipendenti; otto amministratori saranno nominati da Delfin, e insieme a Del Vecchio, tre rappresentanti di Delfin e quattro amministratori indipendenti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico