Napoli

Napoli, i lavoratori Tim protestano: “Azienda ferma”

Napoli – Martedì 22 novembre i lavoratori Tim, T.i.i.t, Hrs, con sede al Centro Direzionale di Napoli, sono scesi in strada per un’assemblea pubblica per sensibilizzare l’azienda e le istituzioni in merito alla disdetta unilaterale del secondo livello di Contrattazione da parte dell’Azienda; Multe Agcom e nuove regole sull’ultimo miglio; Nascita di Open Fiber; Mancanza di un Piano Industriale.

“Siamo nuovamente in piazza con i lavoratori Tim a protestare contro l’assenza di un Piano Industriale serio, a tutela di un’azienda strategica per il paese”, dichiara Massimo Taglialatela, segretario generale della Uilcom Campania.

“Abbiamo assistito solo ad una serie di iniziative mirate all’impoverimento delle lavoratrici e dei lavoratori. Riduzione dei costi e nessun investimento di prospettiva. Siamo preoccupati perché vediamo un’azienda ferma, in balia delle onde. Altre aziende aggressive sul mercato, le multe dell’Agcom e la questione dell’ultimo miglio ancora non risolte ma che rappresentano un pericolo”, insiste e sottolinea il leader della Uilcom Campania.

“La nostra mobilitazione che porterà allo sciopero nazionale del 13 dicembre continuerà fino a quando l’azienda non darà segnali rassicuranti e soprattutto si ripresenti al tavolo per dialogare e non con l’arroganza dimostrata fino ad oggi”, conclude Massimo Taglialatela.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Francavilla Fontana, rapina un uomo e poi un bar: arrestato https://t.co/RIBcY8Ifc5

Napoli, fucile e bombe a mano nascosti in solaio al Rione Traiano https://t.co/STl7o6zuYW

Campania - Obiettivo "Zero Epatite C": web serie con medici e pazienti (18.10.18) https://t.co/IwSXZbfmcH

Napoletani scomparsi in Messico, i parenti occupano i binari della stazione - https://t.co/faZF0ai8xR

Condividi con un amico