Gricignano

Puzza, altra sconfitta per Ecotransider: Consiglio di Stato rigetta ricorso su revoca suoli

Gricignano – Nella lunga battaglia legale contro l’Ecotransider di Gricignano, il consorzio Asi di Caserta segna un altro e decisivo punto a favore. La quinta sezione deI Consiglio di Stato ha, infatti, dichiarato inammissibile il ricorso per revocazione, presentato dal Consorzio “Steel Woman” e dalla sua agglomerata Ecotransider, contro la precedente sentenza della stessa sezione che confermava l’esecutività della delibera con la quale il comitato direttivo di Asi Caserta aveva revocato l’assegnazione di suolo alla Ecotransider, la cosiddetta “fabbrica della puzza”.

Il pronunciamento della quinta sezione del Consiglio di Stato, di fatto, mette la parola fine al contenzioso, eliminando ogni dubbio sulla legittimità e la piena efficacia della delibera di revoca adottata dal comitato direttivo dell’Ente.

Il consorzio Asi, tra tutti gli enti interessati a questa vicenda, che ha suscitato una grande mobilitazione popolare, è stato il primo e l’unico ad avere adottato un provvedimento definitivo: la revoca dell’assegnazione del suolo a Ecotransider e associati, difendendo tale scelta prima davanti al Tar e poi, per ben due volte, al Consiglio di Stato.

Per effetto di quella revoca, oggi Ecotransider e ditte associate sono di fatto impossibilitate a esercitare legittimamente la loro attività perché private dal Consorzio Asi del fattore fondamentale: il suolo per l’insediamento. La delibera dell’Asi ha costituito anche il presupposto giuridico che ha consentito al Comune di Gricignano di procedere alla revoca del permessi a costruire in favore delle stesse ditte.

Da un punto di vista giuridico, con quest’ultimo giudizio, nel quale le ditte appellanti si sono viste condannate anche al pagamento delle spese, la vicenda sembra ormai segnata.

Restano da compiere, soprattutto da parte della Regione Campania, gli atti definitivi, con il diniego dell’autorizzazione ambientale che, allo stato dell’arte, dovrebbe essere ormai un puro adempimento formale.

“Le sentenze della giustizia amministrativa – ha commentato la presidente dell’Asi Raffaela Pignetti (nella foto) – confermano la bontà e l’efficacia dell’azione amministrativa del Consorzio che sta ottenendo risultati importanti, sia nel contrasto all’ abusivismo e alla speculazione immobiliare che per la tutela dell’ambiente e della salute pubblica nelle aree industriali”. Il Consorzio Asi, davanti al Consiglio di Stato, era difeso dall’avvocato Giuseppe Ceceri.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Strasburgo, spari al mercatino di Natale: un morto e diversi feriti, killer in fuga - https://t.co/WWq0bxJJoX

Salvini: "Hezbollah terroristi". La Difesa: "A rischio soldati in missione Unifil" - https://t.co/BrXJ8mXGbZ

Roma, incendio in impianto rifiuti del quartiere Salario - https://t.co/NXgrncg1vi

Aversa, crisi mercatino natalizio: Palmiero chiede al sindaco di evitare raddoppio Tosap - https://t.co/BNmazr1vD8

Condividi con un amico