Napoli

Napoli è donna, le vincitrici del “Premio Lydia Cottone 2016”

Napoli – Dal museo Mamt alla professoressa Annamaria Colao, dall’attrice Rosalia Porcaro alla scrittrice Antonella Cilento sino a Marie Anne Bruyas, responsabile relazioni internazionali di Città della Scienza: martedì 15novembre, alle 10.30, nella sede di Confcommercio Napoli, in piazza Carità 32, spazio alle donne con “Napoli è donna – Premio Lydia Cottone”, a cura di Terziario Donna Napoli.

Il riconoscimento è dedicato alla scomparsa artista partenopea, Lydia Cottone, autrice (tra l’altro) del monumento a Salvo d’Acquisto in piazza Carità a Napoli. Molto apprezzata all’estero ma ancora poco conosciuta in città.

L’edizione 2016 del premio ha come tema il Mediterraneo. I riconoscimenti sono conferiti non solo a quelle donne che si sono contraddistinte, ciascuna nei propri ambiti, dando lustro e valore a Napoli ma che hanno guardato e guardano al Mediterraneo come luogo d’incontro di culture, di popoli, di ricerche, studi e anche di emozioni.

4 premi speciali, 9 premi di categoria e una novità: la premiazione di tre giovani donne talentuose segnalate dalle istituzioni e dagli enti interpellati da Terziario Donna Confcommercio Napoli. Ospite atteso della mattinata di premiazione, la Presidente nazionale di Terziario Donna, dottoressa Patrizia Di Dio.

“Il premio è dedicato all’artista napoletana, Lydia Cottone – spiega Arianna Cavallo, Presidente Terziario Donna Confcommercio Napoli – una pittrice e una scultrice partenopea di rilievo ma spesso dimenticata, le cui opere sono sparse per il mondo ma pochi napoletani ne sono a conoscenza. Le donne rappresentano una parte importante del tessuto produttivo cittadino. Vogliamo restituire valore a tutte quelle donne che lavorano in questa città, quelle note certo ma anche quelle poco note, è questo il senso del premio. Non bisogna però dimenticare le giovani leve che rappresentano il nostro futuro e un esempio da seguire”.

“Questa iniziativa rappresenta un’ulteriore attestazione all’impegno spesso silenzioso delle donne. – aggiunge Pietro Russo, presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Napoli – Nelle nostre imprese ormai il numero delle imprenditrici ha superato quello dei colleghi maschi ed anche quando l’impresa è nelle mani di un uomo dietro c’è il lavoro di una donna nella veste di madre, di moglie, di collaboratrice”.

Lydia Cottone è autrice di opere simbolo della città di Napoli, città dove nacque nel 1923 e morì all’età di 76 anni. Diplomata all’Accademia delle Belle Arti di Napoli intraprese la strada della figurazione neorealista per conquistarsi ben presto uno spazio autonomo di taglio espressionista. Suoi il monumento a Salvo D’Acquisto in Piazza Carità, i due gruppi bronzei di ”Alfa e Omega” nel nuovo cimitero di Poggioreale e il ”Podista e il Discobolo” esposti nei giardinetti di Piazza Quattro Giornate. Nel cortile della Provincia di Napoli (oggi Città Metropolitana di Napoli) sono esposte le sue pietre ollari, donate all’Ente nel 1998, un anno prima della sua scomparsa. Altre sue opere sono esposte in importanti sedi europee come Copenaghen e San Pietroburgo.

Elenco Premiate Edizione 2016

Premio Speciale a: Museo Mamt, Annamaria Colao, Marie Anne Bruyas, Rosalia Porcaro.

Scultura: Gloria Pastore. Enogastronomia: Teresa Di Iorio. Letteratura: Antonella Cilento. Giornalismo: Giuliana Covella. Imprenditoria: Roberta Pugliese. Cinema-tv-teatro: Miriam Candurro. Ricerca e Università: Ofelia Pisanti. Sanità: Maria Corvino. Forze dell’Ordine: Giulia Lello.

Giovani talentusose: Valentina Flaminio (commercio), Ada Natale (letteratura-giornalismo), Denise Capeza (scuola di cinema).

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, l'istituto comprensivo "Santagata" pubblica l'annuario 2017-2018 - https://t.co/l8J24nPC7t

Aversa, Raphaela Lukudo madrina della Stranormanna 2018 - https://t.co/kfy1joOqwy

10 agosto, la Città di Aversa celebra la Festività di San Lorenzo - https://t.co/TYQYdWBtQr

Caserta, evasione fiscale: sequestrati beni per 470mila euro a casa di cura - https://t.co/lscAjHYTZT

Condividi con un amico