Home

Pensioni anticipate: vertice governo-sindacati. Definito accesso all’Ape

Roma – Incontro tra governo e sindacati, a Palazzo Chigi, venerdì mattina, per discutere del delicato tema delle pensioni. 

Il vertice è stato convocato dal Sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Minsitri Tommaso Nannicini. Dispiegate le modalità di accesso all’Ape, le pensioni anticipate per le categorie dei disoccupati, dei disabili, e degli occupati in attività pesanti come gli edili, i macchinisti di mezzi pesanti e le maestre. 

Per poter ricevere l’Anticipo pensionistico, i disoccupati dovranno avere almeno 30 anni di contributi mentre i lavoratori attivi 35 anni. Mentre il reddito lordo mensile dovrà essere inferiore ai 1,350 euro.

Il governo annuncia: l’Ape partirà il 1 maggio 2017.

Domenico Proietti, segretario Uil, spiega: “Per le categorie nominate il costo dell’anticipo pensionistico sarà a carico dello stato”.

Nannicini rassicura: “Il governo stanzierà 1,5 miliardi nel 2017 e 1,6 nel 2018 per complessivi sei miliardi nel triennio”. La rata di restituzione del prestito in caso di anticipo pensionistico su base volontaria sarà pari a circa 4,5-4,6% per ogni anno di anticipo sulla pensione. Il prestito sarà restituito in 20 anni una volta che il lavoratore sarà andato in pensione.

Intanto sono giunti i primi commenti negativi. “Il governo Renzi si rimangia la parola: 30 anni di contributi invece di 20 per Ape social. Gli antibiotici a Matteo Renzi non fanno effetto”, ha twittato la Cgil in seguito alla riunione.

“Voglio immaginare una legge di Stabilità che dia la possibilità di tornare a fare i concorsi – ha detto intanto Renzi in merito alla notizia che il Governo sta lavorando all’inserimento di un concorso per diecimila posti tra forze dell’ordine e sanità – che è una cosa che è mancata in questi anni. Tornare a fare i concorsi significa che possiamo tornare ad avere almeno tra le forze dell’ordine e gli infermieri, e i dottori se riusciamo a inserire anche loro come spero, diecimila unità per le quali immediatamente bandire i posti, anche per tornare a dare i ragazzi la possibilità di mettersi in gioco”.

“Quando Franceschini – ha aggiunto – ha fatto il concorso questa estate per 500 persone nel mondo culturale, si sono presentati in 20mila. Voi capite che questi numeri dimostrano quella fame di lavoro che conoscete quotidianamente”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico