Home

Bigiotteria pericolosa, sequestrato oltre 1 milione di pezzi

Mantova – Nel corso di indagini effettuate dai finanzieri del Gruppo di Mantova, in materia di sicurezza prodotti, sono stati sequestrati un milione e 101.392 articoli di bigiotteria pericolosi per la salute umana, per un valore commerciale pari a 2 milioni e 50.963,29, nonché 210.094 etichette recanti informazioni non veritiere circa la composizioni dei medesimi beni.

L’attività di servizio è iniziata a novembre 2015 quando, durante un controllo presso un esercizio commerciale ubicato nella provincia virgiliana, gestito da un imprenditore di etnia cinese, le Fiamme Gialle hanno operato il sequestro di oltre 10mila prodotti di bigiotteria (destinati soprattutto ad una clientela giovanile) sprovvisti dell’apposita etichettatura riportante le indicazioni a tutela dei consumatori.

Le analisi eseguite sui monili sequestrati hanno confermato la pericolosità per la salute umana degli stessi, come attestato sia dalla Ats Val Padana – Dipartimento Prevenzione Medico di Mantova, sia dall’Agenzia delle Dogane di Venezia; in particolare, è stata riscontrata, nei prodotti in sequestro, la presenza di una concentrazione di metalli, quali il cadmio e il nichel, notevolmente superiore – fino a 800 volte – al limite consentito dalla normativa di settore.

Le indagini hanno permesso di identificare tutti i soggetti economici appartenenti alla filiera commerciale dei prodotti di bigiotteria tossici e segnalare alla Procura della Repubblica il commerciante di origine cinese, per aver posto in commercio prodotti pericolosi e per frode nell’esercizio del commercio, in quanto, fra l’altro, i beni risultavano posti in vendita con le etichette recanti diciture quali “senza cadmio”, “senza nichel” o “nichel free”.

Nei giorni scorsi, su delega della locale A.G., sono state effettuate altre perquisizioni presso 21 punti vendita e domicili fiscali, gestiti da soggetti di nazionalità cinese, situati nelle province di Mantova, Roma, Bolzano, Varese, Viterbo e, prevalentemente, Milano, che hanno portato al sequestro complessivo di oltre 1.100.000 pezzi.

Per i fatti accertati, verranno inoltre interessate le Camere di Commercio competenti per territorio per l’irrogazione delle dovute sanzioni previste per gli illeciti amministrativi previsti dal Codice del Consumo.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, l'istituto comprensivo "Santagata" pubblica l'annuario 2017-2018 - https://t.co/l8J24nPC7t

Aversa, Raphaela Lukudo madrina della Stranormanna 2018 - https://t.co/kfy1joOqwy

10 agosto, la Città di Aversa celebra la Festività di San Lorenzo - https://t.co/TYQYdWBtQr

Caserta, evasione fiscale: sequestrati beni per 470mila euro a casa di cura - https://t.co/lscAjHYTZT

Condividi con un amico