Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Roghi a Marcianise, blitz della Forestale nell’area dei Regi Lagni

Nell’ambito di un’attività finalizzata al contrasto del cosiddetto fenomeno “Terra dei Fuochi” e del bracconaggio, il comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato, Michele Capasso ha disposto dei controlli mirati su tutta la provincia di Caserta con particolare attenzione al canale dei “Regi Lagni” che, di recente, è stato oggetto di un incendio di rifiuti, presumibilmente di natura dolosa, in territorio del comune di Marcianise.

Alle prime luci dell’alba è scattata l’operazione denominata “Ambiente sicuro” che ha visto impegnate otto pattuglie del Comando Provinciale di Caserta e che ha portato all’identificazione di 61 persone, 33 auto controllate, un sequestro penale e svariate sanzioni amministrative.

Le attività operative sono state coordinate dal commissario capo Marilena Scudieri, Referente operativa Terra dei Fuochi del Corpo Forestale dello Stato Regione Campania e Responsabile del Gruppo Antibracconaggio della provincia di Caserta.

In particolare nella zona dei Regi Lagni le persone controllate sono risultate essere soprattutto cacciatori, i quali hanno manifestato compiacimento per la presenza degli uomini della Forestale proprio in considerazione delle caratteristiche orografiche del territorio che, essendo isolato e poco frequentato, è maggiormente esposto alla possibilità di perpetrazione dei reati in danno dell’ambiente che vanno dall’abbandono incontrollato dei rifiuti all’incendio degli stessi.

Le zone rurali della provincia di Caserta, infatti, spesse volte vengono prese di mira  anche da individui provenienti da comuni limitrofi dell’hinterland napoletano che lì abbandonano rifiuti di ogni genere ed in particolar modo scarti di lavorazione provenienti da piccoli laboratori tessili e calzaturieri: tale sistema consente di smaltire “a nero”  i rifiuti, con risparmio notevole dei relativi costi di gestione a discapito dell’ambiente e dell’economia legale.

Oltre che nei Regi Lagni i controlli hanno interessato anche Parchi e Riserve Naturali ed in particolar modo il Parco Regionale del Matese e la Riserva Naturale Regionale Foce Volturno – Costa di Licola – Lago di Falciano.

Durante i controlli venatori gli uomini della forestale hanno constatato con soddisfazione che i cacciatori controllati svolgevano la caccia attenendosi scrupolosamente alla normativa di settore che in questo periodo prevede rigorose restrizioni in ordine alle specie cacciabili e alla tipologia di caccia praticabile.

Nell’alto Matese è stato rinvenuto e posto sotto sequestro un richiamo acustico utilizzato dai bracconieri per attirare ed abbattere le quaglie che, come previsto dal calendario venatorio della Regione Campania, fino alla terza domenica di settembre non sono cacciabili: in questo periodo dell’anno, infatti, tale specie è più vulnerabile in quanto migra per raggiungere i paesi caldi e svernarvi.

Il comandante regionale generale, Sergio Costa, complimentandosi con il proprio personale ha dichiarato: “Terremo alta la guardia sulla tematica Terra dei Fuochi e sul fenomeno del bracconaggio indirizzando le nostre attività di controllo nei territori rurali e isolati come quelli dei Regi Lagni e impervi e montani come quelli dell’alto Matesino ove il Corpo Forestale dello Stato, per sua naturale vocazione e per la profonda conoscenza del territorio, ha maggiore competenza e capacità d’intervento”.

foto 2

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico