Home

Strage Dacca, rientro delle salme tra martedì e mercoledì

Saranno trasferite in Italia tra martedì sera e mercoledì prossimo le salme dei nove italiani uccisi in Bangladesh da un commando di terroristi. Lo si apprende da fonti che seguono la vicenda. All’arrivo a Roma, le salme di Marco TondatCristian Rossi, Claudio CappelliMaria RiboliNadia Benedetti, Claudia D’Antona, Vincenzo D’AllestroSimona Monti Cristian Rossi saranno portate nel policlinico Gemelli per le autopsie.

La procura di Roma, intanto, potrebbe chiedere a breve alle autorità del Bangladesh, tramite rogatoria internazionale, di avere copia degli atti dell’inchiesta sull’attacco terroristico in cui sono morti nove nostri connazionali. Contestualmente, il pm Francesco Scavo, titolare degli accertamenti, potrebbe chiedere di interrogare il terrorista arrestato. In assenza di un trattato di reciproca assistenza giudiziaria tra Italia e Bangladesh, la magistratura della capitale confiderebbe in quello che in gergo è chiamato “atto di cortesia”.

“In considerazione della presenza nel Paese di formazioni di ispirazione jihadista, non si può escludere il rischio di possibili ulteriori atti ostili”. Lo sottolinea la Farnesina nel sito ‘Viaggiare sicuri’, raccomandando agli italiani a Dacca la “massima prudenza, in particolare nei luoghi abitualmente frequentati da stranieri e di limitare gli spostamenti, soprattutto a piedi, allo stretto necessario”.

Nel secondo giorno di lutto nazionale dopo la strage al ristorante di Dacca, la premier del Bangladesh Sheikh Hasina stamane ha reso omaggio alle vittime. In una cerimonia allo stadio dell’esercito, alle dieci locali, ha deposto corone di fiori sulle bare, riferiscono i media locali. Le bare sono state collocate in una piattaforma rialzata con le bandiere di India, Italia, Bangladesh, Giappone e Stati Uniti, le nazioni delle vittime straniere, nove delle quali italiane. Alla cerimonia hanno partecipato anche rappresentanti delle autorità italiane, indiane, giapponesi e americane. In seguito, è stato consentito l’accesso ai familiari e poi a tutti i cittadini.

I venti ostaggi del caffè di Dacca sono stati uccisi nei primi venti minuti dai terroristi che hanno assaltato il locale venerdì sera. Lo riferisce il capo della polizia bengalese Akm Shahidul Haque, secondo quanto riporta il Dhaka Tribune. “Alcuni media stanno dicendo che abbiamo agito troppo tardi con il blitz, ma non è vero. Abbiamo portato a termine l’operazione in 12 ore, mentre in altri Paesi come il Kenya ci sono voluti 4 giorni per affrontare una situazione simile”, ha aggiunto.

E la polizia del Bangladesh ha deciso il fermo di tre persone. Ieri sera è stato fermato Hasnat Karim, il professore universitario che era nel locale per festeggiare un compleanno ma ripreso da alcune immagini fumare in terrazza con i membri del commando. E ancora altre due persone che si trovano in ospedale e di cui non è stata resa nota l’identità, sospettate di avere avuto un ruolo nella dinamica dell’attacco al ristorante.

I terroristi ricchi rampolli bengalesi. Dubbi sull’Isis – Isis o non Isis. E’ questa la margherita che esponenti governativi, dei servizi di intelligence e i media del Bangladesh stanno sfogliando dopo lo shock suscitato dal massacro di 20 civili stranieri – tra cui 9 italiani – compiuto venerdì nella Holey Artisan Bakery di Dacca. Da giovani terroristi rampolli di ricche famiglie locali arruolatisi nelle file della jihad “per moda”, secondo la versione del ministro dell’Interno. E’ stato necessario assistere ad una strage in un gettonato ristorante della classe medio-alta, la più grave mai registrata nella storia del Paese, perché il governo – che da sempre nega infiltrazioni della rete del terrore globale in Bangladesh – esaminasse con la dovuta attenzione la rivendicazione dell’azione da parte dei seguaci del ‘Califfo’ Abu Bakr al-Baghdadi.

Dal febbraio 2015, quando gli attacchi a intellettuali, blogger, stranieri ed esponenti di minoranze religiose si sono fatti sempre più frequenti, Isis e Al Qaida se li sono sistematicamente attribuiti, collezionandone oltre una ventina ciascuno. Fino alla strage nella Bakery del quartiere diplomatico di Gulshan-2, che l’Isis ha fatto sua assicurando attraverso Amaq, l’agenzia di stampa del ‘Califfato’, che è stata opera di un commando bengalese di cui si conoscono anche i nomi (oltre che i volti) dei cinque componenti: Akash, Badhon, Bikash, Don e Ripon. Erano seguiti da tempo dalle forze dall’intelligence locale, ha fatto sapere l’ispettore generale della polizia del Bangladesh, AKM Shahidul Hoque.

E stavolta all’interno del governo sono cominciate ad affiorare le prime divergenze. Fino a qualche mese fa la premier Sheikh Hasina ed i suoi ministri escludevano la presenza dell’Isis o di Al Qaida nel Paese, ripetendo che i colpevoli degli attentati non erano altro che i membri dell’opposizione guidata dal Partito nazionalista bengalese (Bnp) della ‘begum’ Zia Khaleda, ed in particolare il suo alleato Jamaat Islami.

Il più radicale nel continuare a negare la presenza di miliziani riconducibili all’Isis nel Paese è stato il ministro dell’Interno, Asaduzzaman Khan, che ha insistito nel mantenere la questione entro i confini nazionali, attribuendo la responsabilità dell’attacco ad un gruppo jihadista indigeno, il Jumatul Mujaheddin Bangladesh. Gli autori del massacro sono “tutti istruiti, provenienti da famiglie benestanti, sono andati all’università e nessuno di loro ha mai frequentato una madrassa”, ha dichiarato il ministro. E alla domanda sul perché sarebbero diventati militanti islamici, Khan ha risposto secco: “E’ diventata una moda”. Non la pensa proprio così il numero due del ministero degli Esteri bengalese MD Shahidul Haque che, presentando all’ambasciatore d’Italia Mario Palma le condoglianze per le vittime italiane, ha sostenuto che “la gente qui è scioccata e sorpresa perché si chiede come mai dei giovani possano essersi radicalizzati così tanto”.

Haque, a differenza del ministro dell’Interno, non ha respinto categoricamente che possa essersi davvero trattato di un’azione coordinata dall’Isis. Ma anche lui ha confermato che “gli autori non vengono dall’Iraq o dalla Siria, sono giovani bengalesi, molti dei quali colti, con buone prospettive ed appartenenti alla classe media del Paese”.

Intanto, un video amatoriale del blitz dell’esercito di ieri all’alba – girato da un cittadino sud-coreano da una finestra che si affaccia sul ristorante attaccato dai terroristi – ha sorpreso gli esperti e gettato altri dubbi sulla versione ufficiale fornita dalla polizia bengalese. I portavoce ufficiali avevano infatti assicurato di aver liberato numerosi ostaggi grazie all’intervento armato. Ma le immagini sembrerebbero mostrare che vi sia stato un rilascio volontario di persone, probabilmente musulmani, fra cui bambini e donne velate, che si vedono camminare con calma attraversando un giardino prima dell’intervento dei blindati, impiegati dopo oltre 10 ore per mettere fine alla presa di ostaggi.

Infine, c’è da segnalare che per non restare indietro all’Isis nella corsa per la leadership del terrore in Asia meridionale, il leader di al Qaida nel subcontinente indiano (Aqis), Asim Umar, ha incitato i musulmani dell’India a “sollevarsi” e a lanciare attacchi alle autorità e alla polizia indiane. E per questo ha evocato l’esempio dei “lupi solitari” in Europa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico