Home

Ronchi dei Legionari, sequestrato studio dentistico con falsi odontoiatri

Ronchi dei Legionari (Gorizia) – Dopo numerosi appostamenti e accurati soffermi nei pressi dei locali in cui operavano, le Fiamme Gialle della Compagnia di Monfalcone hanno accertato che, all’interno di un noto studio dentistico ronchese, quattro odontotecnici e quattro assistenti alla poltrona effettuavano prestazioni mediche perpetrando il reato di “esercizio abusivo della professione medico-odontoiatrica”.

All’esito di analogo servizio eseguito nel 2015 e conclusosi con il deferimento alla Procura di Gorizia di un sedicente dentista, i finanzieri della compagnia di Monfalcone hanno posto sotto la lente di ingrandimento quanto accadeva all’interno dei locali di uno studio medico sito a Ronchi dei Legionari.

A seguito di mirate indagini, dirette dal sostituto procuratore Laura Collini, si è, infatti, potuto appurare come alcuni odontotecnici svolgessero, in realtà, anche attività di competenza esclusiva degli odontoiatri, quale, ad esempio, l’acquisizione di impronte dentali, l’esecuzione di lastre radiografiche, l’effettuazione di cementazioni, la rimozione di punti di sutura.

I due, in verità, dovrebbero costruire esclusivamente apparecchi di protesi dentaria su modelli tratti dalle impronte che vengono loro fornite dai medici abilitati all’esercizio dell’odontoiatria a norma di legge. È, comunque, vietato agli odontotecnici esercitare qualsivoglia manovra nella bocca del paziente anche in presenza ed in concorso del medico abilitato.

I soggetti in questione hanno pensato bene di proporre la propria attività nei confronti prima di alcuni clienti e, successivamente, espandendola ad una più ampia platea di cittadini che, più o meno consapevoli della mancata abilitazione medica degli odontotecnici e delle assistenti, sono risultati, comunque, particolarmente soddisfatti delle cure dentarie ricevute.

Il tutto si è svolto sotto l’egida dei due odontoiatri che, in qualità di rappresentati legali dello studio medico, hanno consentito e agevolato l’esercizio abusivo di detta professione mettendo a disposizione sia la struttura, sia l’attrezzatura ai “sedicenti medici” privi della qualifica professionale normativamente richiesta.

L’attività di intelligence posta in essere dalle Fiamme Gialle ha, inoltre, permesso di appurare che all’interno dello studio erano presenti ben nove “poltrone” a fronte di due soli dentisti abilitati.

Il “mistero” di tale esubero di poltrone si svelava, in realtà, nella necessità dei due odontoiatri di far fronte ad un rilevante numero di pazienti e, a tale scopo, “ordinavano” agli odontotecnici e alle assistenti di intervenire direttamente sui numerosissimi clienti.

A riprova di ciò è stato, inoltre, constatato che i due medici non erano quasi mai presenti simultaneamente presso lo studio e, ciò nonostante, il flusso giornaliero di pazienti riscontrato e liste degli appuntamenti non subiva quasi mai rallentamenti.

L’attività delle Fiamme Gialle sarà ora rivolta agli opportuni approfondimenti in merito alla mancata dichiarazione dei cospicui proventi illeciti derivanti dalle attività perpetrate in maniera del tutto abusiva, i quali, attraverso un’analitica ricostruzione del reale volume d’affari, saranno prontamente riportati a giusta tassazione.

I falsi dentisti nonché i due responsabili della struttura medica sono stati così deferiti alla Procura di Gorizia, che ha richiesto al gip il sequestro preventivo dell’immobile e delle attrezzature, per esercizio abusivo della professione medico-odontoiatrica senza averne titolo. Il Giudice per le Indagini Preliminari ha disposto, dunque, con decreto motivato, il sequestro dei locali adibiti ad ospitare l’attività e tutta l’attrezzatura medica.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico