Napoli

Contromano in Tangenziale, 20 anni al dj Aniello Mormile

Ha causato la morte di Livia Barbato e Aniello Miranda, Aniello Mormile, il 30enne che la notte del 25 luglio 2015 guidò contromano in Tangenziale causando un terribile incidente. La condanna è arrivata oggi da parte del giudice Rosa De Ruggero: venti anni di reclusione.

La tensione in aula è stata altissima. La sentenza è stata letta dopo le brevi repliche, che hanno aperto l’udienza, da parte del pm Salvatore Prisco, titolare del fascicolo, e dell’avvocato Andrea Raguzzino che rappresenta i familiari di Livia costituitisi parte civile. Una breve replica c’è stata anche da parte degli avvocati Gaetano Baccari e Gaetano Porto, difensori di Mormile.

Tutti hanno voluto ribadire le proprie posizioni. Pm e parte civile sostengono la tesi dell’omicidio volontario, la difesa quella dell’omicidio colposo. Infatti, Per l’accusa Mormile era lucido alla guida quella notte, per la difesa era invece in preda a un black out alcolico.

Leggi anche:

Guida contromano sulla Tangenziale di Napoli: due morti

Napoli, contromano in Tangenziale: il dj accusato di omicidio volontario

Contromano in Tangenziale, i funerali di Livia Barbato

Contromano in Tangenziale, celebrati i funerali di Aniello Miranda

Contromano in tangenziale, il dj rompe il silenzio: “Avevo bevuto molto”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico