Orta di Atella

Orta di Atella, ciclo integrato dei rifiuti: convegno con Caputo e Oliviero

Orta di Atella – Finalmente la tanto agognata Isola ecologica. Questa, assieme a tante altre opportunità completamente finanziate dalla Regione Campania, la notizia che interessa da vicino i cittadini di Orta di Atella accorsi in massa all’incontro istituzionale organizzato per illustrare, nei dettagli, il “Piano Straordinario Regionale per il Ciclo Integrato dei Rifiuti”.

In un clima di massima serenità e partecipazione, su iniziativa del Partito Democratico di Orta di Atella, lunedì 25 luglio, presso la sala consiliare “Don Peppe Diana”, si è parlato di Ambiente e del ciclo integrato rifiuti, di raccolta differenziata e di Isola ecologica con l’ingegner Gianfranco Tozza della segreteria regionale di Legambiente, e con i rappresentanti istituzionali del Partito Democratico, precisamente, Nicola Caputo, europarlamentare, membro della commissione parlamentare europea per l’ambiente e Gennaro Oliviero, consigliere regionale, presidente commissione ambiente.

Moderatrice d’eccezione e vera animatrice del dibattito che si è sviluppato, per oltre due ore, con i numerosi cittadini ed amministratori presenti in sala, la giornalista Alessandra Tommasino, ingegnere ambientale e simbolo di impegno civile.

Un’occasione di confronto in cui sono state avanzate proposte concrete per lo sviluppo della “circular economy” nella gestione dei rifiuti in Campania, sottolineando i grandi passi compiuti nella raccolta di carta e cartone. Si è parlato di Ato e di finanziamenti per progetti di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata. Ma soprattutto si è entrati, interagendo con il pubblico presente, nei dettagli della legge regionale. È emerso, a chiare lettere, che diventa indispensabile ripensare il sistema del ciclo dei rifiuti, onde evitare, come sta accadendo in questi giorni, che si ripetano, nel tempo, le emergenze per carenza di strutture. Oggi siamo in piena emergenze per il conferimento dell’umido in quanto mancano i siti di compostaggio. Un nuovo sistema dovrà prevedere che i comuni si organizzino autonomamente con le cosiddette “compostiere di quartiere” se non, addirittura, “compostiere di condominio”, prevedendole con i relativi regolamenti edilizi comunali.

Un argomento, questo, che ha suscitato l’interesse di tantissimi cittadini e diversi sindaci dell’agro aversano. Hanno, infatti, portato il loro contributo di idee ed esperienze dirette, il sindaco di Casal di Principe Renato Natale, di Sant’Arpino Giuseppe Dell’Aversana, di Cesa Enzo Guida, di Succivo Gianni Colella, di Casaluce Nazzaro Pagano, oltre al sindaco di Orta di Atella Giuseppe Mozzillo.

Particolarmente interessanti, inoltre, gli interventi dei cittadini e dei rappresentanti delle associazioni fra cui quelli di Vincenzo Tosti di Città visibile e di Francesco Pascale di Legambiente.

Un primo passo di un percorso fatto di discussione e confronto sulle problematiche che interessano la nostra comunità. Saranno organizzati altri appuntamenti in cui si discuterà di politiche sociali e culturali, tributi ed urbanistica. Tanto nell’esclusivo interesse della cittadinanza. 

Il circolo Pd di Orta di Atella

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico