Italia

“Vuoi una pizza o una birra?”, invece era cocaina: arrestati 3 fratelli a Curno

Curno (Bergamo) – All’alba di mercoledì 15 giugno i carabinieri di Bergamo, supportati dal Secondo Nucleo Elicotteri di Orio al Serio, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre tunisini, tutti fratelli, A.F., 29 anni, A.A., 27, e A.M., 33, accusati di detenzione e spaccio di stupefacenti.

Il provvedimento è stato emesso dal gip di Bergamo, su proposta della Procura, ed è scaturito da un’indagine avviata nel mese di gennaio dello scorso anno dai carabinieri di Curno e protrattasi per oltre un anno.

Dalle investigazioni dei militari è emerso che i tre fratelli spacciavano cocaina ad oltre un centinaio di consumatori della provincia, in particolare nei comuni di Mozzo, Bergamo, Ponte San Pietro, Paladina, Valbrembo, Villa d’Almè e Curno.

Le numerose cessioni avvenivano concordando gli incontri telefonicamente utilizzando un linguaggio criptico. Per fare riferimento alla cocaina, infatti, si usavano i termini “birra” o “pizza”. Gli assuntori inoltre, in qualche caso, come garanzia di pagamento della dose dovevano consegnare agli spacciatori il proprio telefono cellulare o l’autoradio della macchina.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico