Italia

Sgominato giro di usura ai Castelli Romani, sette arresti

Roma – Gli agenti del commissariato di polizia di Albano Laziale e i carabinieri della compagnia di Velletri hanno dato esecuzione, tra Roma, Ariccia, Albano Laziale, Lanuvio e Genzano di Roma, ad un provvedimento cautelare – emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Velletri, Gisberto Muscolo, su richiesta del procuratore Francesco Prete – nei confronti di sette persone ritenute responsabili, a vario titolo, di usura, estorsione, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, attività finanziaria abusiva e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

Contestualmente sono state eseguite ulteriori cinque perquisizioni a Marino, Castel Gandolfo e Cave a carico di altrettanti indagati.

L’indagine, denominata “Game Over”, è durata dallo scorso mese di dicembre fino a marzo 2016 e ha portato alla luce un vasto giro di usura nei Castelli Romani con base operativa tra Ariccia e Albano.

Molte vittime, in particolare imprenditori e commercianti, venivano minacciate in caso di mancata restituzione dei soldi. I tassi variavano tra il 120 e il 140%.

Le intercettazioni sono state eloquente e hanno chiarito il modus operandi degli usurai. Ecco alcune delle conversazioni: “Portame i sordi, vai a trovare i sordi!” “Stasera te vengo a casa!” “Movete, valli a cercà e portameli, perchè veramente ti strucino per terra fino a che non te consumo!” “Io oggi te rimassacro, te sfonno, appena me attivo te rompo i denti subito subito. Te rompo le costole!”.

Alcune vittime hanno reagito, collaborando con le forze dell’ordine. Cinque degli arrestati sono finiti nel carcere di Velletri, altri due sono ai domiciliari.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico