Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

“Il camorrista fantasma”, le vite di due superlatitanti si intrecciano a Villa di Briano

Doppia tappa giovedì 23 giugno per il Festival dell’Impegno civile “Le Terre di Don Diana”. Dalla villa confiscata all’ex latitante Antonio Iovine a Villa di Briano al Casale del Teverolaccio di Succivo, il Comitato Don Diana e il coordinamento provinciale di Libera promuovono un pomeriggio di riflessione sui temi delle mafie.

A Villa di Briano, nella casa in cui ha vissuto uno dei peggiori criminali della storia del clan dei Casalesi, sarà presentato il libro “Il camorrista fantasma. Le mille vite del superlatitante Pasquale Scotti”. L’appuntamento è per le ore 18, si parlerà degli intrecci fra lo Stato e la criminalità organizzata, partendo dalla storia del camorrista napoletano, estradato dal Brasile dopo 31 anni di latitanza.

Interverranno: Valerio Taglione, coordinatore del Comitato Don Peppe Diana; Giovanni Solino, referente provinciale dell’associazione Libera; Luigi Della Corte, neo sindaco di Villa di Briano; Gianmaria Roberti, Daniele Pragliola e l’ex capo della Squadra mobile di Caserta Luigi De Stefano, autori del libro; Carlo Alemi, magistrato per anni alla guida del Tribunale di Napoli; Vito Faenza, giornalista. L’incontro sarà coordinato dalla giornalista Alessandra Tommasino.

Alla stessa ora, al Casale di Teverolaccio di Succivo, sarà presentato il rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia, elaborato da Eurispes e Coldiretti. Interverranno Gianni Colella, sindaco di Succivo; Antonio Pascale, presidente del circolo Legambiente Geofilos (promotore della tappa con Eurispes, presente con Angelo Caliendo); Nicola Baldieri, giornalista e fotografo; Roberto Miele, vicecomandante regionale del Corpo forestale dello Stato; Antonio Pergolizzi, Osservatorio nazionale Ambiente e Legalità Legambiente; Tommaso De Simone, presidente Coldiretti Caserta; Nicola Graziano, magistrato Tribunale Napoli nord. Seguiranno il laboratorio del gusto curato dal presidente di Slow Food Campania Giuseppe Orefice e i riti tradizionali della notte di San Giovanni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico