Aversa

Aversa, liti e minacce per una dubbia paternità: ex fidanzati in tribunale

Aversa – Un’altra storia d’amore, a infelice fine, che approda nelle aule di giustizia. E’ quella che vede coinvolti una 42enne di Aversa, difesa dall’avvocato Pasquale Delisati di Marcianise, e un trentenne di Giugliano, difeso dall’avvocato Camillo Gurgo di Napoli.

I due, nel 2011, ebbero una relazione fugace ma intensa, dalla quale nacque una bambina. Nascita che fu motivo di scontri furiosi per presunti dubbi sulla paternità manifestati dal trentenne.

Il 6 giugno scorso, davanti al giudice monocratico penale del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Graziano, è stata ascoltata la donna, persona offesa, e a allo stesso tempo imputata, nel procedimento penale a carico dell’ex compagno, costituitosi anche parte civile.

Lei ha narrato la sua versione su quanto accaduto all’epoca dei fatti, risalenti all’estate del 2012. Durante un incontro tra i due per un chiarimento circa la possibilità di un’eventuale convivenza futura, l’uomo, mosso da gelosia e rabbia, si sarebbe avventato contro la 42enne sottraendole gli effetti personali e abbandonandola in strada pochi giorni prima del parto, per poi minacciare di fare del male a lei e all’ex marito e agli altri suoi figli se non avesse convissuto con lui.

Dopo l’aggressione il trentenne, non soddisfatto, avrebbe anche tentato di estorcerle denaro come “buonuscita” per la fine della loro relazione. La donna, a quel punto, presentava denuncia ai carabinieri di Aversa.

Non era finita. Dopo il parto della bimba, la 42enne, stavolta lei in preda alla rabbia, iniziava ad inviare ripetuti messaggi tramite “Whatsapp”, per tutta l’estate e oltre, all’ex compagno, minacciandolo di fargliela pagare e offendendo il suo decoro, tanto da ricevere una denuncia.

Il processo, rinviato al 24 ottobre prossimo per valutare altre prove, vedrà stavolta ascoltato il giovane che potrà raccontare la sua versione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico