Melito

Melito, barista uccisa e gettata in un fossato: delitto di camorra

Melito (Napoli) – Il cadavere di una donna, Giovanna Arrivoli, 41 anni, è stato ritrovato lunedì sera in un fossato a Melito di Napoli, in via Giulio Cesare.

Gli elementi finora raccolti fanno seguire la pista dell’omicidio: la vittima è  stata uccisa a colpi d’arma da fuoco – tre, due alla testa e uno al torace – poi il cadavere corpo è  stato parzialmente sotterrato e ricoperto da terreno fresco. A notarlo è stato un passante che ha allertato i carabinieri. I familiari della 41enne ne avevano denunciato la scomparsa sabato scorso.

Il delitto sarebbe maturato in ambienti di camorra, per un ammanco di denaro nelle casse del clan degli Amato-Pagano, i cosiddetti “Scissionisti”.

La donna – di Melito, che lavorava in un bar nella città a nord di Napoli, dopo aver scontato una condanna fino al 2012 per droga – avrebbe intascato indebitamente alcuni proventi del traffico di droga senza versarli al clan. Uno sgarro che l’organizzazione non le avrebbe perdonato.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico