Home

80 persone hanno risorse pari a quelle di 3 miliardi di poveri

Viviamo in un mondo che non si scandalizza e che addirittura sembra giustificare, perché per lo più i protagonisti sono idoli dello sport o dello spettacolo, il fatto che 80 persone dispongono di risorse pari a quelle del 50% più povero della popolazione mondiale (3 miliardi di persone) e in cui la ricchezza di questi 80 fortunati è cresciuta negli ultimi 5 anni del 50%, surclassando ogni supposizione sulla “crisi”.

Secondo Credit Suisse, un certo 0,7% della popolazione adulta globale detiene il 45% delle ricchezze complessive nel mondo. È una disuguaglianza che ha raggiunto livelli spropositati, stando alle dichiarazioni del Fondo monetario internazionale.

Per l’Ocse: la distanza tra ricchi e poveri nei 34 Stati Membri, tra cui c’è anche l’Italia, è al livello più alto degli ultimi 30 anni, con il 10% più ricco della popolazione che detiene 9 volte e mezza la ricchezza del 10% più povero.  L’Ocse, inoltre, si concentra anche sulla perdita economica legata a livelli di disuguaglianza così alti: in 25 anni l’iniquità ha fatto perdere l’8,5% del prodotto interno lordo del gruppo, infatti a minore disuguaglianza corrisponderebbe crescita economica più robusta e veloce.

Secondo Anthony B. Atkinson, ideatore dell’Indice Atkinson, che misura la disuguaglianza dei redditi, “la disuguaglianza e la povertà erano sensibilmente ridotte in Europa negli immediati decenni del dopoguerra e fino al 1970”, mentre, attualmente, per ridurre la disuguaglianza “servirebbero politiche che danno priorità alla riduzione della disoccupazione e che investono sui giovani”. “Non è responsabile un solo ministero – afferma -, i governi da soli non bastano: tutti giochiamo un ruolo come individui attraverso l’attivismo, come lavoratori attraverso i sindacati, come imprenditori verso i lavoratori e infine come famiglie”.

Michele Raitano, ricercatore italiano di Politica economica presso l’Università “La Sapienza” di Roma è convinto che “la disuguaglianza è aumentata anche perché si è formato un nuovo gruppo di lavoratori ultra pagati. Inoltre, la cosiddetta ‘curva del Grande Gatsby’ dimostra che nei Paesi in cui è alta la disuguaglianza, questa si trasmette di padre in figlio, ovvero è molto bassa la mobilità sociale”.

Idoli dello sport, icone hollywoodiane, colossi dell’industria e dell’imprenditoria: sono per lo più vip e economisti gli 80 individui più fortunati in fattore di ricchezza, una situazione che rende il pianeta una vera e propria invisibile oligarchia a scala mondiale. La riduzione della disparità, sono convinti gli esperti, permetterebbe una circolazione del denaro molto più agevole e soprattutto la rivincita di un ideale caro al mondo classico: quello oraziano dell’“Aurea mediocritas”, “aurea via di mezzo”, idioma che propone come “giusta” la via della moderazione, soprattutto, estendendolo al nostro caso, in materia di finanza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico