Home

False griffe in negozi italiani e cinesi: presa la gang di “Gennaro ‘O Cinese”

Napoli – Un giro d’affari milionario, con diramazioni in Italia e all’estero, soprattutto in Turchia, e merce contraffatta di griffe di alto livello, al punto da essere venduta anche in negozi di lusso in varie parti d’Italia e persino negli store della Cina.

E’ quanto emerso nel corso delle indagini della Guardia di finanza di Napoli. Le Fiamme Gialle, su mandato della procura partenopea, hanno eseguito 53 arresti, di cui 19 in carcere e 34 ai domiciliari.

L’operazione “Gran Bazar” ha svelato l’esistenza di due distinti gruppi criminali dediti alla contraffazione e alla ricettazione di prodotti falsificati di noti brand nazionali e internazionali. Il primo gruppo, con diramazioni anche in Turchia, importava capi contraffatti di alta qualità che poi venivano venduti in tutta Italia, spesso con la complicità dei titolari di negozi e boutique di Lombardia, Veneto, Toscana e Puglia.

I capi falsi, che arrivavano in Italia a bordo di container provenienti da Germania e Gran Bretagna, venivano poi nuovamente esportati.

Dopo essere perfezionati in Campania, infatti, venivano spediti persino in Cina dove venivano venduti. L’altro gruppo si occupava, invece, di alimentare il circuito della vendita abusiva di merce contraffatta con i loghi di noti marchi. Merce destinata alla vendita sulle bancarelle e gestita soprattutto da immigrati.

Una delle organizzazioni era capeggiata da Gennaro Caputo, detto “o’ cinese”, e si occupava di produrre, a livello industriale, rotoli di pellame serigrafati con loghi di note griffes destinati poi a una folta schiera di clienti che li utilizzavano, usando anche accessori provenienti da imprese regolari, per realizzare centinaia di migliaia di articoli di pelletteria da vendere in diverse regioni, come Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana e Puglia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico