Aversa

Elezioni Aversa, D’Amore è il candidato sindaco dei liberal democratici

Aversa – Mariano D’Amore, docente universitario, ha accettato di essere il candidato sindaco della Federazione delle forze civiche di aria liberal-democratica costituita dalle liste “Viva Aversa” supportata dall’ ex senatore Pasquale Giuliano, dal “Movimento Libero per Aversa” di Salvino Cella coordinato da Salvatore Candida, da “Aversa Democratica” di Carmine Motti, da “Federazione delle autonomie” di Imma Lama, da “Ci siamo” nata su input dello stesso D’Amore e coordinata da Luisa Diana Motti.

Data la diversa provenienza politica degli elementi che la compongono, la coalizione – sottolinea D’Amore – propone un nuovo raggruppamento politico che ha saputo coagulare forze di destra, qual è quella rappresentata dalla lista sostenuta dall’ex senatore Giuliano, e  forze della sinistra come quella rappresentata dalla lista coordinata da Salvatore Candida ispirata da Salvino Cella che alle amministrative  del 2012  fu il candidato sindaco del centrosinistra, un centro sinistra che comprendeva all’epoca anche il Pd. Forze decise a superare le vecchie barriere ideologiche per mettere a sistema risorse che possono essere utili al bene della città. Quanto ai programmi non entro nel merito perché l’obiettivo principale della coalizione in questa fase, della campagna elettorale è quello di allargare la coalizione che è aperta a tutti gli schieramenti sia di tipo civico che politico”.

“Solo dopo questa fase potremo parlare di programmi che – sottolinea – stileremo tutti assieme. Ma di sicuro saranno programmi finalizzati a superare le tante negatività presenti nella città. Una città che ha bisogno di sicurezza, di strade percorribili, di regolamentare il traffico, di igiene urbana, di incremento delle attività produttive, di progettare la città come sistema domandandoci, innanzitutto, quale Aversa desideriamo per il futuro e di serenità economica possibile solo con un bilancio in equilibrio che non faccia vivere Aversa e gli aversani sul filo del dissesto come è accaduto  e come è stato  paventato  anche recentemente”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico