Home

‘Ndrangheta, testa di maiale come minaccia: 20 arresti

Torino – Operazione anti ‘ndrangheta dei carabinieri di Torino. Venti gli arresti eseguiti, tra il capoluogo piemontese e Reggio Calabria. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata a estorsioni, usura, traffico di droga e gestione di bische clandestine. Eseguite 41 perquisizioni domiciliari e sequestrati beni.

Nell’inchiesta, coordinata dalla procura di Torino, sono emersi pesanti atti intimidatori da parte degli arrestati per ‘Ndrangheta.

Ad una vittima di estorsione è stata recapitata, ad esempio, una testa mozzata di maiale con l’avviso che “la prossima sarebbe stata la sua”.

L’inchiesta ruota attorno alle attività criminali dei fratelli Adolfo e Aldo Cosimo Crea. Entrambi sono considerati esponenti della criminalità organizzata reggina nel capoluogo piemontese. Il loro grado è quello di “padrino”. I due erano stati arrestati nel giugno del 2011 nel quadro dell’operazione Minotauro.

Aldo Cosimo è tornato libero nel febbraio del 2014, Adolfo nel giugno del 2015. Ma già nelle settimane precedenti, nel carcere di Voghera in cui erano rinchiusi, avevano cominciato a riorganizzarsi, riuscendo ad aggregare al sodalizio vecchi pregiudicati, parenti e giovani emergenti nell’ambiente criminale torinese.

Nessuna delle vittime degli ‘ndranghetisti individuate nel corso dell’inchiesta ha denunciato volontariamente le intimidazioni. L’indagine ha ricostruito casi di estorsione a imprenditori, vittime di usura, persone indebitate per avere frequentato case da gioco gestite dalle cosche.

Le vittime delle estorsioni, dell’usura e degli “odiosi atti minatori degli ‘ndranghetisti “trovino la forza di denunciare”, auspica la Procura di Torino in un comunicato ufficiale diffuso in merito all’operazione della notte scorsa. L’invito è ad assumere “l’atteggiamento che rappresenta il solo modo di arrestare e vincere il diffondersi della cultura mafiosa anche in Piemonte”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico