Home

Cristina Del Basso racconta la maternità

Quando si dice che la maternità cambia la vita. E lo sa bene Cristina Del Basso, l’ex gieffina, ora madre di Riccardo che con la nascita del suo primogenito ha cambiato aspettativa di vita e le sue priorità.

Considerazioni queste che si evincono dal blog, aperto un anno e mezzo fa ormai, nel quale rivela: “Ho creduto ai due cuori e una capanna, ai millantatori, a uomini innamorati del proprio ego, non ho creduto a chi forse lo era di me e ho perso un mucchio di tempo con chi rimandava… L’uomo della mia vita l’ho partorito”.

Un vero e proprio cambio di rotta anche nella lista dei suoi desideri e delle tematiche affrontate nel diario virtuale. E se prima i suoi argomenti erano titolati “Come farlo capitolare” o “Come diventare bella, felice, stronza” o “Trasformalo nel tuo fan più sfegatato” o ancora labbra polpose, piedi perfetti, ricette e consigli, l’attenzione si è spostata su altro. Ha cominciato a scrivere dei mesi della gravidanza, quelli più belli per una donna, in cui ci si sente al centro dell’universo e tutto ruota attorno alla propria pancia.Ha scritto fino alla fine di ottobre, poi più nulla, dedicando così la sua vita reale agli ultimi istanti della gravidanza fino alla nascita.

Poi, il 27 gennaio il ritotrno: “Sono tornata… ecco cosa è accaduto in questi tre mesi”. “Ho sempre ricercato l’uomo paterno che mi facesse sentire al sicuro per poi appiopparmi uomini che di paterno avevano solo l’età a cui piaceva però fare i bambini.. Meteore di cui mi convincevo che la luce illuminasse la mia vita e che puntualmente si spegnevano, per poi precipitare roteando sul terreno con me aggrappata.. L’uomo della mia vita l’ho partorito. In una notte incantata. La mia esistenza e lo spazio si sono fermati al nome Riccardo..  Ed è per questo sorriso che torno al mondo! È iniziata una meravigliosa vita insieme.. Mi impegnerò con tutta me stessa affinché sia meravigliosa.. Ma eccomi ora siamo tornati! Anche se sarò solo io.. Perché lui.. Lo proteggo..” ha scritto Cristina.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico