Carinaro

Salvini commenta il furto d’auto a Carinaro: “Ruspa!”

Carinaro – Utilizza il suo più famoso slogan, esclamando “Ruspa!”, Matteo Salvini, nel commentare l’arresto del 22enne rom che lo scorso 30 ottobre, a Carinaro, nel Casertano, rubò un’auto in una struttura commerciale, non esitando a investire il proprietario della vettura durante la fuga (guarda articolo e video). Il giovane, che era latitante in Serbia, è stato arrestato ieri dai carabinieri della compagnia di Marcianise.

Migliaia i commenti al post di Salvini, in gran parte di condanna. “A Bologna è successa la stessa cosa un paio di anni fa, solo che il proprietario ha avuto delle lesioni gravi e permanenti in quanto fu schiacciato dal delinquente contro il muro …. risultato ????? Ancora prima della fine delle degenza il ladro era già a piede libero per fare altri danni puntualmente dopo 10 giorni beccato di nuovo per furto e di nuovo rilasciato …… Ruspa??????? no mitra …”, scrive un utente.

“E’ successo anche a me, in servizio. – scrive un altro – Feci appena in tempo a spostarmi quanto bastava per salvarmi la pelle. tentarono di investirmi per farsi strada, solo pensarla quell’azione mi ha fatto capire quanto si sentano impuniti e al di sopra della legge anche quella divina a questo punto, nel decidere la vita degli altri”.

Ma c’è anche chi va controcorrente: “Salvi’ c’è sfasteriato co’sta cazza di ruspa. Non hai capito che per essere vincenti la prima regola è: no banalità? Se tutto fosse risolvibile con una ruspa da un pezzo avremmo fatto meglio. Jamm’jà vedi di usare anche altre parole che tra gli italiani c’è pure gente intelligente”.

Intanto, ieri sera, a Qualiano, nel Napoletano, è stata arrestata una gang di rom che aveva assaltato un’area di servizio, immobilizzando il vigilantes e portando via 40mila euro contenuti nella cassaforte (guarda articolo e video). Potrebbe essere la stessa banda che, proprio a Carinaro, poche sere fa, sfondò la vetrina di una stazione di servizio situata lungo la statale Nola-Villa Literno (guarda articolo e video).

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico