Home

Smog, a Milano e Roma i livelli di inquinamento non scendono

A Milano secondo giorno senza auto, a Roma ferme le targhe pari, a Firenze niente macchine nella ztl fino al 31 dicembre. Le previsioni meteo non sono favorevoli: niente pioggia da qui a Capodanno.

I Comuni lombardi chiedono che la Regione assuma la regia dell’emergenza e preparano un decalogo per il governo. Tra le proposte, la rottamazione di automobili e caldaie più inquinanti. Intanto, le centraline Arpa non rilevano alcun calo del Pm10.

Sono state 310 le multe fatte della polizia locale che, nel secondo giorno di blocco di circolazione della auto a Milano, ha fatto 1.700 controlli. Ieri i controlli erano stati 1.500 e 300 le sanzioni comminate.

Analizzando i dati non ancora validati delle centraline poste dall’Arpa a Milano, è possibile constatare come i valori del Pm10 e del Pm2.5 non siano affatto scesi il 28 dicembre, primo giorno del blocco auto imposto dall’amministrazione comunale.

Le valutazioni sul blocco delle auto a Milano andranno fatte “solo dopo le tre giornate di blocco” secondo il Comune di Milano. “I primi dati dell’Arpa relativi alla giornata di ieri – spiega un comunicato di Palazzo Marino – restituiscono un quadro sostanzialmente simile alle giornate festive precedenti”.

I dati del Pm10 forniti dall’Arpa segnano un leggero aumento ma “la misura è stata già utile a contenere i livelli di inquinanti nell’aria in una fase di alta pressione”. Senza blocco, quindi lo smog sarebbe ulteriormente aumentato. E lo stop alla circolazione è stato “un atto di grande responsabilita’ perché con tutta evidenza ha evitato l’immissione di ulteriori inquinanti”. Il Comune ha anche voluto ringraziare i milanesi per il loro “grande senso civico” e per aver compreso “l’importanza” del blocco come “misura d’emergenza di fronte agli alti livelli di smog in citta’”.

Anche a Roma le targhe alterne non sono servite: ieri, giorno in cui potevano circolare solo le auto con targa pari, si è comunque superato il limite delle polveri sottili in ben 11 centraline di rilevamento su 13.

“Che idiozia per chi vorrebbe semplicemente lavorare, verbo strano per un po’ di sinistra”. Così il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ha commentato su Radio Padania il blocco delle auto che dalle 10 alle 16 ferma anche auto gpl e metano “che non inquinano” e moto e motorini.  Il sindaco Giuliano Pisapia “ha portato via 100 milioni di euro ai milanesi con Area C e la qualità dell’aria non è migliorata per un accidente e tutto quello che dice che ha fatto lui lo hanno fatto Albertini e Moratti, dal noleggio biciclette alle nuove metropolitane. Abbiamo un poveretto come sindaco di Milano, ancora per poco per fortuna”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico